Tipi di sistemi di ventilazione

In generale, la ventilazione è lo scambio d'aria controllato nella stanza. Tuttavia, questo termine nasconde diversi tipi di sistemi di ventilazione. Prima di procedere con la descrizione e le regole di selezione dei loro elementi, dobbiamo comprendere i termini e i concetti di base utilizzati in quest'area. Quindi, la classificazione convenzionale del sistema di ventilazione:

  • con il metodo del movimento dell'aria: naturale e artificiale;
  • su appuntamento: afflusso e scarico;
  • per area di servizio: locale e scambio generale;
  • per progetto: comporre e a collo d'oca.

Sistema di ventilazione naturale e artificiale

Il flusso d'aria nel sistema di ventilazione può essere creato in due modi:

  • Naturalmente, a causa della differenza delle temperature dell'aria, la pressione cambia a seconda dell'altezza, della pressione del vento. Di conseguenza, viene chiamata tale ventilazione naturale.
  • Artificialmente con l'aiuto di un ventilatore. Questo è artificiale o ventilazione meccanica.

sistemi di ventilazione naturali sono utilizzati nella costruzione di alloggi tipico: aria fresca attraverso perdite in finestre e porte nei locali e viene rimosso attraverso gli sfiati griglie di scarico si trovano in cucina e bagni. Tale ventilazione è economica, affidabile (senza parti mobili e automazione) e duratura.

Il lato negativo della convenienza dei sistemi di ventilazione naturale è una forte dipendenza della loro efficienza da fattori esterni - temperatura dell'aria, direzione e velocità del vento e altri. Inoltre, tali sistemi sono in linea di massima non regolamentati e, in determinate condizioni meteorologiche, cessano semplicemente di funzionare.

La ventilazione artificiale (meccanica) è usata dove non c'è abbastanza naturale. Poiché il sistema meccanico utilizza un ventilatore, un riscaldatore filtro e altri elementi che consentono di spostare, per pulire e riscaldare l'aria, tali sistemi possono mantenere un ambiente confortevole in camere servite indipendentemente dalla stagione e delle condizioni ambientali. Ecco perché in appartamenti, case e uffici cercano quando possibile installare un sistema di ventilazione artificiale.

Fornitura e sistema di ventilazione di scarico

Fornire il sistema di ventilazione È destinato a fornire aria fresca ai locali. Se necessario, l'aria fornita può essere riscaldata o raffreddata, umidificata e anche pulita dalla polvere.

Ventilazione di scarico, al contrario, rimuove l'aria inquinata dai locali. Ventilazione ed aspirazione vengono generalmente usati in combinazione, la produttività deve essere bilanciata, altrimenti la camera produrrà insufficiente o eccessiva pressione, che porterà ad un effetto sgradevole di "porte sbattere".

Sistema di ventilazione a scambio locale e generale

Ventilazione locale È destinato a fornire aria fresca a determinati luoghi (ventilazione di alimentazione locale) o per rimuovere l'aria contaminata dai luoghi di formazione di emissioni nocive (ventilazione di scarico locale). La ventilazione di scarico locale viene utilizzata nei casi in cui i luoghi di emissione nociva sono localizzati ed è possibile impedire la loro diffusione all'interno dei locali. La ventilazione locale viene utilizzata principalmente nella produzione. Nelle stesse condizioni generali, viene utilizzata la ventilazione generale. Le eccezioni sono le cappe da cucina, che sono ventilazione di scarico locale.

Ventilazione generale, In contrasto con quello locale, è progettato per la ventilazione dell'aria in tutta la stanza. La ventilazione generale può anche essere di alimentazione e di scarico. Fornire ventilazione generale di ricambio, di regola, deve essere eseguita con riscaldamento e filtrazione dell'aria di mandata, quindi questa ventilazione deve essere meccanica (artificiale). La ventilazione di scarico generale può essere più semplice dell'aria di mandata e può essere eseguita sotto forma di un ventilatore installato in una finestra o un foro in una parete, poiché l'aria di scarico non deve essere trattata. A piccoli volumi di aria ventilata viene utilizzata l'alimentazione meccanica e la ventilazione naturale, che è molto più economica della ventilazione meccanica.

Sistema di ventilazione set e monoblocco

comporre Il sistema di ventilazione è assemblato da componenti separati: un ventilatore, un silenziatore, un filtro, un sistema di automazione, ecc. Tale sistema viene solitamente collocato in una stanza separata - la camera di ventilazione o dietro il controsoffitto (con prestazioni ridotte). Il vantaggio dei sistemi di reclutamento è la possibilità di ventilazione di qualsiasi locale - dai piccoli appartamenti e uffici ai centri commerciali dei supermercati e interi edifici. Svantaggio: la necessità di calcoli e design professionali, nonché di grandi dimensioni. La sezione sulla composizione dei sistemi di ventilazione racconta i componenti da cui è assemblato un tipico sistema di tipizzazione.

Nel monoblocco sistema di ventilazione (ventilazione), tutti i componenti sono alloggiati in un unico involucro insonorizzato. I sistemi monoblocco possono essere forniti, scarichi e scarico-alimentazione. Le unità di alimentazione e di scarico sono spesso dotate di un recuperatore integrato, che consente di risparmiare energia spesa per riscaldare l'aria di alimentazione. I ventilatori monoblocco presentano diversi vantaggi rispetto ai sistemi di compositing:

  • Poiché tutti i componenti si trovano in una custodia insonorizzata, il livello di rumore delle unità monoblocco è notevolmente inferiore rispetto ai sistemi di selezione. A causa di ciò, i sistemi monoblocco di piccola capacità possono essere collocati negli alloggi, mentre i sistemi di battitura tipicamente devono essere installati in locali di servizio o in apposite camere di ventilazione.
  • Tutti gli elementi dell'unità di trattamento aria sono selezionati, testati e sottoposti a debug per il lavoro di squadra in fase di produzione, quindi i sistemi monoblocco hanno la massima efficienza e il massimo equilibrio.
  • Grazie alla custodia compatta, il montaggio dei ventilatori è più semplice e veloce rispetto ai sistemi di ventilazione dial-up.

Maggiori dettagli sui sistemi di ventilazione sono riportati nella sezione Ventilazione di appartamenti e cottage.

Caratteristiche della ventilazione naturale e artificiale

La ventilazione in ogni stanza è obbligatoria. La ventilazione naturale e artificiale facilita la normale circolazione dell'aria nella stanza, la rimozione di anidride carbonica e altre sostanze nocive dall'aria. Una ventilazione di bassa qualità contribuisce al deterioramento del benessere della persona, inoltre, in ambienti con elevata umidità e un sistema di ventilazione insufficiente, aumenta il rischio di muffe e funghi.

Schema generale del sistema di ventilazione del dispositivo.

Tipi di sistemi di ventilazione

La ventilazione è il processo di scambio d'aria nella stanza. Oggi ci sono diverse varietà:

  • a seconda della modalità di movimento dell'aria, può essere suddivisa in artificiale e naturale;
  • in base allo scopo della ventilazione è diviso in scarico e fornitura;
  • per tipo di costruzione è diviso in monoblocco e digitando;
  • a seconda dell'area di servizio è condivisa e locale.

La ventilazione è naturale: sfumature

La ventilazione naturale è necessariamente progettata durante la costruzione di qualsiasi edificio residenziale. In questo caso, l'aria fresca penetra nella stanza attraverso varie aperture, crepe, finestre aperte o porte e viene scaricata attraverso appositi canali di ventilazione.

Sistema di ventilazione naturale con miscelazione perfetta.

Tali punti di ventilazione si trovano in bagno, toilette e cucina. Questo sistema di ventilazione può essere attribuito a un'opzione pratica, poiché manca di elementi in movimento che possono rompersi.

Pertanto, l'opzione naturale durerà molto a lungo. Ma ci sono anche aspetti negativi di un tale sistema di scambio d'aria - dipendenza da fattori esterni. Ciò è particolarmente correlato alla temperatura dell'aria, alla velocità del vento e alla sua direzione. In determinate condizioni meteorologiche, un tale sistema può smettere completamente di funzionare.

Per la ventilazione naturale, la differenza di pressione dell'aria tra la stanza e il deflettore - la cappa sul tetto dell'edificio - è importante. Inoltre, il processo di ricambio naturale dell'aria è dovuto a un diverso indice di temperatura.

Ventilazione artificiale

Un sistema di ventilazione artificiale o meccanico è necessario se la ventilazione naturale non fornisce un livello sufficiente di circolazione dell'aria. Il cuore del sistema artificiale è l'uso di elementi ausiliari, che aumentano significativamente la ventilazione dell'aria nella stanza. È basato su questo che un tale sistema è sempre più installato in uffici, appartamenti e case private.

Schemi schematici di alcuni sistemi di ventilazione naturale di edifici residenziali.

  • ventilatore;
  • filtrare;
  • Se necessario, è possibile installare un aerotermo.

Un tale sistema può ben fornire la circolazione dell'aria su un'area sufficientemente ampia. In questo caso, l'aria che entrerà nella stanza sarà pulita, inumidita e, se necessario, riscaldata. Tali funzioni dipenderanno direttamente dalla configurazione del sistema.

Fornire il sistema di ventilazione

Se è necessario installare un sistema nella stanza che fornirà aria fresca e rimuovere l'anidride carbonica, utilizzare la fornitura di ventilazione artificiale. Questa configurazione è composta da diversi componenti di base.

Per far fluire l'aria dalla strada, dall'esterno viene installata una speciale griglia di presa d'aria attraverso la quale passano le masse d'aria. Oltre al fatto che questa griglia ha un aspetto presentabile e non danneggia la facciata dell'edificio, svolge una funzione protettiva molto importante. Grazie ad esso in un sistema che scorre non penetrano i sedimenti e altri oggetti estranei.

Schema di ricambio d'aria nella ventilazione generale.

Al fine di regolare il flusso d'aria, il sistema di ventilazione è dotato di una valvola con azionamento elettrico. Se il sistema è spento, l'aria esterna non scorrerà. Per proteggere la stanza dall'ottenere detriti, polvere e insetti diversi, è necessario installare un filtro.

A tale scopo, è possibile utilizzare un filtro grossolano, in grado di trattenere particelle più grandi di 1 μm. Affinché la pulizia avvenga nel modo più qualitativo possibile, questo filtro deve essere pulito regolarmente, questa procedura dovrebbe essere eseguita una volta al mese.

Per impedire all'aria fredda di entrare nella stanza durante la stagione fredda, il sistema di ventilazione è dotato di un calorimetro. Questo elemento riscalda l'aria fredda. Oggi sul mercato è possibile acquistare un riscaldatore di due opzioni: acqua o elettrico, la scelta dipende più dalle preferenze personali.

Al fine di ridurre al minimo il costo del riscaldamento dell'aria, si consiglia di installare una parte come un recuperatore. Il principio di funzionamento di questo dispositivo è che l'aria viene riscaldata mediante scambio di calore con aria calda, che viene introdotta dalla stanza.

Al centro del sistema di fornitura, l'elemento obbligatorio è il ventilatore. Possono essere suddivisi in disegni radiali e assiali. I ventilatori assiali sono caratterizzati da una capacità molto elevata, mentre hanno una pressione totale bassa. Come risultato di tali qualità per i sistemi con una rete di ventilazione ramificata, i ventilatori radiali vengono spesso utilizzati.

Il principio di funzionamento della ventilazione dell'aria fresca.

Per evitare un rumore troppo forte, che si diffonde dai fan attraverso le vie aeree, si consiglia di installare silenziatori. Una volta che l'aria pulita passa attraverso l'attenuatore del suono, viene distribuita a tutte le stanze attraverso una rete, che consiste di adattatori, tee e vari indicatori di direzione.

L'elemento finale della ventilazione è un sistema che controlla tutti gli elementi. La versione più semplice di un tale sistema di controllo è un interruttore convenzionale con un indicatore che indica on / off.

Per un uso più confortevole della ventilazione, è possibile installare un sistema di controllo automatico. Monitora in modo indipendente le condizioni dei filtri, quando entra aria fredda accende la caldaia e svolge anche altre varie funzioni.

Alcune caratteristiche

Il compito principale dell'unità di trattamento dell'aria è la fornitura di aria fresca nella stanza, a sua volta, l'attrezzatura di scarico è installata per l'estrazione delle masse di aria di scarico. Per utilizzare razionalmente lo spazio, questi due disegni possono essere combinati in un unico alloggiamento. Questa installazione è denominata alimentazione-scarico.

Per i servizi ai consumatori di oggi, ci sono 2 versioni di dispositivi di ventilazione: monoblocco e impostazione del tipo.

Il sistema di kit è un elemento separato, che è completato per un certo tipo di custodia.

Schema schematico di ventilazione e aria condizionata.

Per installare una struttura prefabbricata, è necessario assegnare un'intera stanza. Tali elementi di ventilazione sono utilizzati per fornire lo scambio d'aria in ampie stanze, la cui area è più di 200 sq.m.

Per un appartamento, una casa di campagna o un cottage sarà sufficiente utilizzare un'unità di alimentazione monoblocco. Tutti i componenti di tale dispositivo si trovano nello stesso alloggiamento con un buon isolamento acustico.

Vantaggio innegabile è la semplicità del lavoro di installazione, che rende possibile realizzare autonomamente tutte le fasi del processo. Grazie all'isolamento acustico, un tale dispositivo di ventilazione funziona abbastanza silenziosamente, il che rende possibile l'uso in una casa residenziale, non interferisce con i suoi abitanti.

Tutti gli elementi sono prodotti nel kit, quindi la versione finale mostra i risultati più alti possibili. Il vantaggio innegabile di tale dispositivo è la sua dimensione compatta, che è importante per il posizionamento in una casa o un appartamento privato.

L'installazione di un'unità monoblocco implica la sua fissazione alla superficie e il collegamento al condotto e all'alimentazione. Il pacchetto di ventilazione non richiede alcuna impostazione, che consente di utilizzarlo quasi subito dopo l'installazione.

Riassumendo

Avendo determinato il tipo di ventilazione che verrà utilizzata, ne valgono i calcoli. È grazie alle misurazioni e ai calcoli che è possibile procedere con l'assemblaggio, selezionare tutti gli elementi necessari che saranno dotati di un sistema di ricambio d'aria.

Un sistema di ventilazione naturale viene posato durante la fase di costruzione, quindi non è necessario calcolarlo.

Nel calcolare la ventilazione, vale la pena considerare solo le stanze in cui una persona trascorre un tempo abbastanza lungo: una camera da letto, un soggiorno. Il corridoio non è dotato di sistemi di alimentazione e di uscita. In cucina, bagno e toilette l'aria esce dai condotti di scarico.

Ventilazione artificiale dei locali - industriali e residenziali

La ventilazione in un edificio, residenziale o industriale, è necessaria per mantenere un clima pulito. È effettuato attraverso scambio d'aria con altre stanze. Grazie ad esso, vengono create condizioni di lavoro accettabili per un normale processo di lavoro.

Un modo naturale per ottenere uno scambio d'aria sufficiente non è sempre possibile, specialmente negli impianti di produzione. A tal fine viene utilizzata la ventilazione artificiale. Di cosa si tratta, i suoi vantaggi, le caratteristiche di diversi tipi, ulteriormente, nell'articolo.

Valori e funzioni della ventilazione

Il compito principale della ventilazione è fornire aria pulita. Il clima pulito è di grande importanza nelle imprese industriali. La ventilazione artificiale della stanza influisce sulla situazione sanitaria, igienica, epidemiologica dell'impresa.

Il clima nella stanza è inquinato non solo da attrezzature, processi tecnologici. L'uomo stesso è una fonte di inquinamento. Esala anidride carbonica, l'aria inquina l'evaporazione delle ghiandole sebacee, del sudore, delle scarpe e dei vestiti. Seguono i compiti di ventilazione regolamenti prescritti stato d'aria.

Ventilazione artificiale dei locali di produzione - Funzioni

  • pulizia del clima da impurità nocive;
  • attrazione di aria pulita da una fonte esterna;
  • concentrazione ammissibile nei locali di polvere, fumo, gas;
  • fornendo una modalità confortevole per la temperatura, l'umidità dei robot.

La ventilazione previene l'aspetto, la diffusione di varie infezioni trasmesse attraverso l'aria. Garantisce la sicurezza delle persone, produce prodotti alimentari.

Vantaggio della ventilazione artificiale di locali industriali è quello di impedire l'ingresso di sostanze nocive nel microclima. Inoltre, consente di mantenere un normale livello di temperatura e umidità nella stanza, indipendentemente dalle condizioni meteorologiche esterne.

Tipi di ventilazione artificiale

La classificazione della ventilazione artificiale si basa su tre criteri: scopo, area di servizio, Design:

  1. Su appuntamento, può essere fornitura e scarico.
  2. Sull'area di servizio - scambio locale e generale.
  3. In base alla progettazione, digitare, monoblocco.

Tipi di ventilazione tra di loro possono essere combinati a seconda del set e delle condizioni richieste.

Ventilazione dell'aria fresca

Fornisce aria nella stanza dall'ambiente esterno naturale. A seconda delle esigenze, aria può:

  • riscaldato o pulito;
  • inoltre idratare;
  • pulito di polvere.

Il design del sistema di fornitura è composto da griglia di presa d'aria. È installato dall'esterno dell'edificio, attraverso il quale l'aria viene prelevata dalla strada. valvola con l'azionamento elettrico regola l'accensione, lo spegnimento del sistema. Se è spento, l'aria non entra. filtro protegge da detriti, insetti, polvere. Il riscaldatore è installato per riscaldare il clima quando fa freddo.

Il recuperatore aiuta a risparmiare i costi di riscaldamento attraverso l'uso di masse d'aria calda della stanza. La ventola fornisce movimento d'aria, è l'elemento principale del design. Viene fornito un attenuatore acustico per ridurre il livello di rumore, il comfort nel sistema di alimentazione. Il dispositivo è controllato da un indicatore manuale o un sistema automatico.

Ventilazione di scarico

Rimuove l'aria inquinata dalla stanza. Per quanto riguarda la manutenzione del territorio, è lo scambio locale e generale. A seconda del design: canale e non canale. Le parti principali del cappuccio sono ventilatore, condotto dell'aria, filtri. Il design del condotto è parte del layout della casa.

La sua caratteristica - Tubi per condotti, che sono posizionati sopra (sopra il soffitto) della stanza. Ciò richiede molto spazio libero, soffitti da 3 m in su. Un tale sistema è adatto per compiti grandi e spaziosi. Può essere visto negli ospedali, nelle scuole. La ventilazione non canale è adatta per qualsiasi edificio, compresi gli appartamenti.

Fornitura e ventilazione di scarico

Vista combinata, la più comune. L'aria entra nel tubo di alimentazione. Il foro dell'albero è protetto da una griglia speciale, che protegge dai detriti. Climi di pulizia nella camera della polvere. Le masse atmosferiche pulite riscaldano i coloranti. Se è necessario umidificare, l'aria viene fatta passare attraverso una camera speciale e annaffiata. La funzione principale nel design viene eseguita dal ventilatore.

Ventilazione locale

È anche chiamato locale. Attira l'aria inquinata direttamente dal luogo della sua formazione. Installato sopra le superfici di lavoro. Usato nella produzione e nella vita di tutti i giorni. Nella vita di tutti i giorni, il suo esempio è una cappa da cucina.

Ventilazione generale

È usato in tutta la stanza, ma non sempre. Nella produzione ci sono stanze, che non si connettono al sistema generale di ventilazione - laboratori, laboratori di produzione. La ventilazione generale è adatta per uffici, cinema, centri commerciali. Può essere flusso o scarico.

comporre

È un complesso che è installato in una stanza separata. Consiste di un ventilatore, un silenziatore, un filtro, un sistema di automazione e simili. In condizioni domestiche o in piccole produzioni è installato sotto un controsoffitto. Un sistema di ventilazione impostato richiede calcoli di progettazione e installazione.

Ventilazione monoblocco

Ha il vantaggio rispetto alla digitazione, che è espresso a basso livello di rumore. Richiede anche molto meno spazio. Il sistema monoblocco è installato in un unico pacchetto con isolamento acustico. Succede:

Tutti gli elementi della costruzione sono selezionati, testati nella fase di assemblaggio di produzione, che ne garantisce l'affidabilità e il bilanciamento dopo l'installazione.

condizionatori

Sono l'ultima parola nella ventilazione artificiale. L'aria condizionata non dipende dalle condizioni esterne dell'atmosfera. Il loro compito principale è il raffreddamento del clima, la sua ventilazione. In alcuni modelli sono dotate delle funzioni di riscaldamento, umidificazione, asciugatura, pulizia da impurità nocive, odori. Il clima nella stanza è dato in base alla velocità impostata. La temperatura e altri parametri possono essere programmati, Il dispositivo è dotato di un timer di accensione.

I condizionatori d'aria sono di tipo industriale e domestico. Si distinguono per il potere dell'apparato. Per dimensione, livello di servizio, sono superiori ad altri sistemi.

Per ogni stanza, il sistema di ventilazione artificiale è selezionato individualmente. La scelta dipende dalle dimensioni della stanza, dal suo layout, dall'uso funzionale. Nei grandi edifici industriali un tipo non funziona. Mentre per un edificio per uffici è adatto un tipo di ventilazione generale o un sistema di condizionamento d'aria centrale o locale.

2.4. Ventilazione di locali industriali

2.4.1. Scopo e classificazione dei sistemi di ventilazione

Per mantenere i parametri richiesti di purezza dell'aria e i parametri del microclima della sala di produzione, vengono utilizzati vari tipi di ventilazione. La ventilazione è uno scambio d'aria organizzato, consistente nella rimozione dell'aria inquinata dal posto di lavoro e nella fornitura di aria esterna fresca. A seconda del metodo di movimento dell'aria, la ventilazione può essere naturale o meccanica.

2.4.2. Ventilazione naturale

La ventilazione naturale viene effettuata a causa della differenza di temperatura dell'aria nella stanza e dell'aria esterna (testata termica) o dell'effetto del vento (pressione del vento). La ventilazione naturale può essere non organizzata e organizzata. Con la ventilazione non organizzata, il volume d'aria che entra ed esce dalla stanza è sconosciuto. Lo scambio d'aria dipende dalla direzione e forza del vento, dalla temperatura dell'aria esterna e interna. La ventilazione naturale organizzata si chiama aerazione. Per l'aerazione nelle pareti dell'edificio, vengono realizzate aperture per l'aria esterna e dispositivi speciali (lanterne) sono installati nella parte superiore dell'edificio per rimuovere l'aria di scarico. Di conseguenza, è necessario calcolare le aree dei fori di aerazione di aspirazione e scarico che forniscono lo scambio d'aria necessario.

2.4.3. Ventilazione artificiale

Artificiale (meccanica) ventilazione differenza naturale, fornisce la possibilità di pulire l'aria prima che venga scaricato nell'atmosfera, intrappolando inquinanti direttamente nei luoghi della loro formazione, trattando l'aria in ingresso (pulito, preriscaldato, idratare) è più specificamente per alimentare aria nella zona di lavoro.

La ventilazione artificiale con ventilazione generale garantisce la creazione del microclima necessario e la purezza dell'ambiente aereo in tutta l'area di lavoro della stanza. Viene utilizzato per rimuovere il calore in eccesso in assenza di emissioni tossiche significative, nonché nei casi in cui la natura del processo e le caratteristiche dell'apparecchiatura di produzione escludono la possibilità di utilizzare la ventilazione di scarico locale. Esistono quattro schemi principali per l'organizzazione dello scambio d'aria con ventilazione generale: dall'alto verso il basso, dall'alto verso il basso, dal basso verso l'alto, dal basso verso l'alto.

Fig. 2.4.1. Schema di ricambio d'aria nella ventilazione generale

Gli schemi dall'alto verso il basso e dall'alto verso l'alto sono consigliabili nel caso in cui l'aria di alimentazione nel periodo freddo abbia una temperatura inferiore alla temperatura dell'aria nella stanza. L'aria di alimentazione viene riscaldata dall'aria della stanza prima di raggiungere l'area di lavoro. Si consiglia di utilizzare gli altri due circuiti quando l'aria di alimentazione viene riscaldata durante il periodo freddo e la sua temperatura è superiore alla temperatura dell'aria interna.

Se nei locali di produzione vengono emessi gas con densità superiore alla densità dell'aria, la ventilazione generale deve garantire che il 60% dell'aria venga rimosso dalla zona inferiore della stanza e il 40% da quella superiore. Se la densità dei gas è inferiore alla densità dell'aria, la rimozione dell'aria inquinata viene effettuata nella zona superiore.

L'alimentazione di scambio generale e la ventilazione di scarico sono costituite da due unità: per fornire aria pulita e rimuovere l'aria inquinata. Il rapporto di questi due flussi è chiamato il bilancio dell'aria di ventilazione. Questo equilibrio può essere bilanciato (se l'afflusso è uguale al disegno), positivo (se prevale l'afflusso) e negativo (se l'estratto è dominante).

Accade anche la ventilazione locale afflusso sotto forma di soffocamento dell'aria (quando l'aria fresca viene immessa nella zona di respirazione del lavoratore) o sfogo (quando l'aria inquinata viene rimossa dalla fonte di sostanze nocive per mezzo di ombrelli di scarico, pannelli, fessure, ecc.).

Ventilazione dell'aria fresca. Lo schema della ventilazione forzata meccanica (Fig. 2.4.2) include il dispositivo di aspirazione dell'aria 1; filtro per purificazione dell'aria 2; aerotermo (aerotermo) 3; ventola 5, rete di condotti 4 e ugelli di alimentazione con ugelli 6. Se non è necessario preriscaldare l'aria di mandata, questa viene trasferita direttamente agli impianti di produzione lungo il canale di bypass 7.

I dispositivi di aspirazione dell'aria devono essere collocati in luoghi in cui l'aria non è contaminata da polvere e gas. Devono essere almeno 2 m sopra il livello del suolo e dagli alberi di ventilazione degli scarichi: verticalmente - sotto i 6 me in orizzontale - non più vicini di 2,5 m.

L'aria di mandata viene inviata nella stanza, di regola, da un flusso diffuso per il quale vengono utilizzati ugelli speciali.

Fig. 2.4.2. Lo schema di ventilazione forzata

Ventilazione di scarico e ventilazione combinata di estrazione e immissione. Ventilazione di scarico (Figura 2.4.3.) Comprende un dispositivo di pulizia 1, un ventilatore 2, un 3 centrale e condotti di aspirazione 4.

Fig. 2.4.3. Lo schema di ventilazione di scarico

L'aria dopo la pulizia deve essere gettato ad un'altezza non inferiore a 1 m al di sopra del colmo del tetto. È vietato fare fori di espulsione direttamente nelle finestre.

In condizioni di produzione industriale, il sistema di ventilazione e scarico più comune con un afflusso generale nell'area di lavoro e l'estrazione locale di sostanze nocive direttamente dai luoghi di formazione.

Nei locali industriali in cui viene rilasciata una quantità significativa di gas nocivi, vapori e polveri, lo scarico dovrebbe essere maggiore del 10% rispetto all'afflusso, in modo che le sostanze nocive non vengano spostate in ambienti adiacenti con minore tossicità.

Nel sistema di alimentazione e ventilazione, è possibile utilizzare non solo l'aria esterna, ma anche l'aria dei locali stessi dopo la pulizia. Questo riutilizzo di aria interna è chiamato ricircolo e viene effettuato durante il periodo freddo dell'anno per conservare il calore necessario per riscaldare l'aria di alimentazione. Tuttavia, la possibilità di riciclaggio è stabilita da una serie di requisiti sanitari, igienici e antincendio.

La ventilazione locale può essere fornita e scaricata.

Ventilazione dell'aria locale locale, a cui viene effettuata la fornitura concentrata di aria fresca dei parametri specificati (temperatura, umidità, velocità di movimento) sotto forma di docce d'aria, aria e cortine di calore dell'aria.

Le docce d'aria sono utilizzate per prevenire il surriscaldamento dei lavoratori nelle hot-shop e per la formazione delle cosiddette oasi d'aria (sezioni della zona di produzione che differiscono nettamente dalle loro caratteristiche fisiche e chimiche dal resto dei locali).

Le tende di aria e aria-calore sono progettate per impedire l'ingresso di quantità significative di aria esterna fredda nei locali quando è richiesta la frequente apertura di porte o porte. La cortina d'aria è creata da una corrente d'aria, che è guidata da una stretta fessura lunga, in un angolo rispetto al flusso di aria fredda. Un canale con una fessura è posto sul lato o nella parte inferiore del cancello o delle porte (Figura 2.4.4).

Fig. 2.4.4 Tende aria-calore:

a - con un'alimentazione d'aria inferiore, b - con un flusso d'aria laterale a due vie; в - con consegna laterale unilaterale di aria

Ventilazione di scarico locale viene eseguito con l'aiuto di cappe di aspirazione locali, pannelli di aspirazione, cappe di aspirazione, pompe di aspirazione di bordo (Figura 2.4.5) e altri dispositivi.

La progettazione dell'aspirazione locale dovrebbe garantire la massima raccolta di emissioni nocive con la quantità minima di aria rimossa. Inoltre, non dovrebbe essere ingombrante e interferiscono con il personale di manutenzione per azionare e controllare il processo I principali fattori nella scelta del tipo di estrazione locale sono caratteristici delle emissioni nocive (temperatura, densità del vapore, tossicità), la posizione di lavoro quando si effettuano operazioni, le caratteristiche del procedimento e apparecchiatura.

Fig. 2. 4.5. - Esempi di ventilazione di scarico locale

a - cappa aspirante, b - cappa aspirante con aspirazione combinata d - lato aspirante con soffiante

Dal grado di isolamento dell'area di ventilazione di scarico locale dallo spazio circostante, si distinguono le pompe di aspirazione di tipo aperto e le pompe di aspirazione dai rifugi cavi (figura 2.4.6).

2.4.3 Ventilazione artificiale

Artificiale (meccanica) di ventilazione, in contrasto naturale, offre la possibilità di pulire l'aria prima che venga scaricato nell'atmosfera, intrappolando inquinanti direttamente nei luoghi della loro formazione, trattando l'aria in ingresso (pulito, preriscaldato, idratare), più specificamente per dare l'aria nella zona di lavoro. Inoltre, la ventilazione meccanica consente di organizzare la presa d'aria nella zona più pulita del territorio dell'impresa, e anche oltre.

Ventilazione artificiale generalizzata

La ventilazione generale fornisce la creazione del microclima necessario e la purezza dell'aria nell'intero volume dell'area di lavoro della stanza. Viene utilizzato per rimuovere il calore in eccesso in assenza di emissioni tossiche significative, nonché nei casi in cui la natura del processo e le caratteristiche dell'apparecchiatura di produzione escludono la possibilità di utilizzare la ventilazione di scarico locale.
Esistono quattro schemi di base per l'organizzazione dello scambio d'aria con ventilazione generale: dall'alto in basso, dall'alto verso l'alto, dal basso verso l'alto, dal basso verso l'alto (Figura 2.5).


Fig. 2.5. Schema di ricambio d'aria nella ventilazione generale

Gli schemi dall'alto verso il basso (figura 2.5a) e dall'alto verso l'alto (figura 2.5b) dovrebbero essere utilizzati se l'aria di mandata nel periodo freddo dell'anno ha una temperatura inferiore alla temperatura dell'aria nella stanza. L'aria di alimentazione viene riscaldata dall'aria della stanza prima di raggiungere l'area di lavoro. Si consiglia di utilizzare gli altri due schemi (figure 2,5 e 2,5 g) quando l'aria di alimentazione viene riscaldata durante la stagione fredda e la sua temperatura è superiore alla temperatura dell'aria interna.
Se impianti di produzione sono allocate gas e vapori con una densità maggiore della densità dell'aria (ad esempio, vapori acidi, benzina, cherosene), la ventilazione generale dovrebbe fornire il 60% di rimozione dell'aria dalla zona di fondo piatto e il 40% - dall'alto. Se la densità del gas è inferiore alla densità dell'aria, la rimozione di aria contaminata viene effettuata nella zona superiore.

Ventilazione dell'aria fresca

Lo schema della ventilazione meccanica forzata (Figura 2.6) comprende: un dispositivo di aspirazione dell'aria /; filtro per purificazione dell'aria 2; aerotermo (aerotermo) 3; fan 5; una rete di condotti d'aria 4 e fornisce ugelli con ugelli 6. Se non è necessario preriscaldare l'aria di mandata, questa viene trasferita direttamente ai locali di produzione lungo il canale di bypass 7.
I dispositivi di aspirazione dell'aria devono essere collocati in luoghi in cui l'aria non è contaminata da polvere e gas. Essi devono trovarsi a non meno di 2 m dal livello del suolo e dagli alberi di ventilazione degli scarichi: verticalmente - sotto i 6 me in orizzontale - non più vicini di 25 m.
L'aria di mandata viene inviata nella stanza, di regola, da un flusso diffuso per il quale vengono utilizzati ugelli speciali.

2.6 Lo schema della ventilazione di alimentazione

Ventilazione di scarico e ventilazione combinata di estrazione e immissione

La ventilazione di scarico (Figura 2.7) è composta da un dispositivo di pulizia 1, un ventilatore 2, un 3 centrale e un condotto di aspirazione 4.

Fig. 2.7. Lo schema di ventilazione di scarico

L'aria dopo la pulizia deve essere gettato ad un'altezza non inferiore a 1 m al di sopra del colmo del tetto. È vietato fare fori di espulsione direttamente nelle finestre.
In condizioni di produzione industriale, il più comune sistema di alimentazione e scarico con un afflusso generale nell'area di lavoro e sostanze nocive locali vyugyazhkoy direttamente dai loro luoghi di formazione.
Nei locali industriali, dove viene rilasciata una quantità significativa di gas nocivi, vapori, polveri, lo scarico deve essere maggiore del 10% rispetto all'afflusso, in modo che le sostanze nocive non vengano spostate in ambienti adiacenti con meno nocività.
Nel sistema di alimentazione e ventilazione, è possibile utilizzare non solo l'aria esterna, ma anche l'aria dei locali stessi dopo la pulizia. Questo riutilizzo di aria interna è chiamato ricircolo e viene effettuato durante il periodo freddo dell'anno per conservare il calore necessario per riscaldare l'aria di alimentazione. Tuttavia, la possibilità di riciclaggio è stabilita da una serie di requisiti sanitari, igienici e antincendio.

Ventilazione locale

La ventilazione locale può essere fornita e scaricata.
Ventilazione dell'aria locale locale, a cui viene effettuata la fornitura concentrata di aria fresca dei parametri specificati (temperatura, umidità, velocità di movimento) sotto forma di docce d'aria, aria e cortine di calore dell'aria.
Le docce d'aria sono utilizzate per prevenire il surriscaldamento dei lavoratori nelle hot-shop e per la formazione delle cosiddette oasi d'aria (sezioni della zona di produzione che differiscono nettamente dalle loro caratteristiche fisiche e chimiche dal resto dei locali).
Le tende di aria e aria-calore sono progettate per impedire l'ingresso di quantità significative di aria esterna fredda nei locali quando è richiesta la frequente apertura di porte o porte. La cortina d'aria è creata da una corrente d'aria, che è guidata da una stretta fessura lunga, in un angolo rispetto al flusso di aria fredda. Un canale con uno slot è posizionato sul lato o nella parte inferiore del cancello o delle porte (Figura 2.8).


Fig. 2.8. Tende aria-calore: a - con alimentazione d'aria inferiore; b - con alimentazione d'aria a due vie laterale; â - con alimentazione laterale unilaterale di aria.

Ventilazione di scarico locale viene eseguito con l'aiuto di cappe di aspirazione locali, pannelli di aspirazione, cappe di scarico, pompe di scarico disperse nell'aria (Figura 2.9) e altri dispositivi.
La progettazione dell'aspirazione locale dovrebbe garantire la massima raccolta di emissioni nocive con la quantità minima di aria rimossa. Inoltre, non dovrebbe essere ingombrante e impedire al personale operativo di lavorare e monitorare il processo tecnologico.

I fattori principali nella scelta del tipo di scarico locale sono le caratteristiche delle emissioni nocive (temperatura, densità del vapore, tossicità), la posizione del lavoratore nello svolgimento del lavoro, le caratteristiche del processo tecnologico e delle attrezzature.
In base al grado di isolamento dell'area di ventilazione localizzata dallo spazio circostante, si distinguono le pompe di aspirazione di tipo aperto e le pompe di aspirazione con tetto cavo (Figura 2.10).
Nei casi in cui la fonte di rischi industriali può essere collocata all'interno di uno spazio limitato da pareti, la ventilazione di scarico locale è disposta sotto forma di cappe di scarico, pensiline sagomate, camere di scarico. Se la fonte delle emissioni nocive non può essere isolata sotto i termini di tecnologia o servizio, quindi, di regola, una cappa di scarico o un pannello di aspirazione è installato. In questo caso, il flusso d'aria che viene rimosso non deve passare attraverso la zona di respirazione del lavoratore.
rari casi, lato aspirazione scarico locale sono marmitta aperta e che è attrezzata bagno (elettroplaccatura, morsura) o altri contenitori con liquidi tossici, poiché la necessità di utilizzare il download di materiale movimentazione rende impossibile l'uso di cappe aspiranti e pannelli. Quando la larghezza della vasca 1 mo più per essere installato a bordo di un pereduvom aspirazione, che da una mano di aria aspirata bagno, e dall'altro (Figura 2.9 g.) - viene iniettato. Allo stesso tempo, la corrente d'aria mobile sembra proteggere la superficie di evaporazione di prodotti liquidi tossici.

Fig. 2.10. Classificazione dell'aspirazione locale

Metodi per il calcolo dei sistemi di ventilazione artificiale

Lo scopo principale del calcolo dei sistemi di ventilazione artificiale a scambio generale è determinare la quantità di aria che deve essere fornita e rimossa dalla stanza. Nel calcolare la ventilazione nei negozi, lo scambio d'aria, di norma, viene determinato mediante calcoli sulla base di dati specifici sulla quantità di emissioni nocive (calore, umidità, vapori, gas).
Per i negozi in cui vengono rilasciate sostanze nocive, lo scambio d'aria è determinato dal numero di gas nocivi, vapori, polveri che entrano nell'area di lavoro, ai fini della diluizione con l'aria di alimentazione fino alle concentrazioni massime ammissibili:

L = U / (k1 - k2) (m3 / h) (2,5)

U - quantità di emissioni nocive nel negozio, mg / h;
k1 - la concentrazione massima ammissibile di emissioni nocive nell'aria del negozio, mg / m3;
k2 - concentrazione di emissioni nocive nell'aria fresca, mg / m3.

Per i negozi con l'assegnazione di calore in eccesso, la quantità di aria fresca è determinata dalla condizione di assimilazione di questo calore:

L = Q ib / (Cy * (ψ - tn)) (2.6)

dove,
Qizb: eccesso di calore nel negozio, kJ / h;
C è il calore specifico dell'aria a pressione costante, pari a 1 kJ / kgK;
y - densità dell'aria di mandata, kg / m3;
ty - temperatura dell'aria rimossa dal negozio;
tn è la temperatura dell'aria di mandata.

Per i negozi con scambio di umidità, lo scambio d'aria è determinato dall'umidità in eccesso:

L = G / ((dy - dn) * y) (2.7)

dove,
G - massa di vapore acqueo rilasciata da varie fonti nella stanza, g / h;
dy è il contenuto di umidità dell'aria rimosso dalla stanza, g / kg;
dn - contenuto di umidità dell'aria esterna (alimentazione), g / kT;
y - densità dell'aria di mandata, kg / m3.

La frequenza dello scambio d'aria mostra quante volte in un'ora è necessario cambiare l'intero volume d'aria in una data stanza per creare condizioni d'aria normali. Avendo determinato dal repertorio la molteplicità di ricambio d'aria, con un volume di stanza noto, è possibile calcolare il volume di aria di alimentazione o di scarico.
Per le stanze in cui non ci sono emissioni nocive e calore in eccesso e non è necessario creare comfort meteorologico, è possibile utilizzare la formula:

dove l è la portata d'aria minima per lavoratore in conformità con le norme sanitarie (per un volume di stanza per lavoratore, fino a 20 m3 - 30 m3 / h, e per un volume superiore a 20 m3 - 20 m3 / h);
n è il numero di persone che lavorano in ambienti chiusi.

Quando si calcola la ventilazione di scarico locale, la quantità di aria rimossa dall'aspirazione locale (ombrello, pannello, armadio) può essere determinata dalla formula:

L = F x v x 3600 (m3 / h) (2.10)

dove,
F è l'area della sezione trasversale del foro di aspirazione locale, m2;
v è la velocità dell'aria rimossa in questo foro (è assunta da 0,5 a 1,7 m / s, a seconda della tossicità e della volatilità di gas e vapori).

Ventilazione forzata locale

Artificiale (meccanica) di ventilazione, in contrasto naturale, permette di pulire l'aria prima che venga scaricato nell'atmosfera, intrappolando inquinanti direttamente nei luoghi di loro produzione, aria di alimentazione di processo (pulito, preriscaldato, idratare, ecc), più specificamente per fornire aria area di lavoro. Inoltre, la ventilazione meccanica consente di organizzare la presa d'aria nella zona più pulita del territorio dell'impresa, e anche oltre.

Con la ventilazione artificiale, lo scambio d'aria viene effettuato a causa della differenza di pressione creata dalla ventola. E 'utilizzato nei casi in cui la dissipazione del calore nella camera di produzione insufficiente la rivendicazione costante (entro un anno) utilizzando aerazione, o quando la quantità o tossicità delle sostanze nocive rilasciato in atmosfera della camera è tale che v'è la necessità di ventilazione continua Nez alezhno delle condizioni atmosferiche AuditDepartment circostanti.

La ventilazione meccanica può essere operativa o di emergenza. Quest'ultima dovrebbe essere prevista nei locali industriali, dove è possibile un rilascio improvviso nell'aria di una quantità significativa di sostanze nocive o esplosive. La ventilazione di emergenza deve essere attivata automaticamente quando viene raggiunta la concentrazione limite di emissioni pericolose e assicurarne la rapida rimozione dai locali. Di norma, il cablaggio di emergenza deve fornire 8-12 volte lo scambio d'aria all'ora nella stanza.

La ventilazione di lavoro può essere uno scambio generale, locale o combinato

2431 Ventilazione artificiale di ricambio generale

La ventilazione generale fornisce la creazione del microclima necessario e di un ambiente pulito per tutta l'area di lavoro della stanza. Viene utilizzato per rimuovere il calore in eccesso in assenza di emissioni tossiche, nonché nei casi in cui la natura del processo e le caratteristiche dell'apparecchiatura di produzione escludono la possibilità di utilizzare la ventilazione di scarico locale.

Esistono quattro schemi principali per l'organizzazione dello scambio d'aria con ventilazione generale di scambio educativo: dall'alto verso il basso, dall'alto verso il basso, dal basso verso l'alto, dal basso verso l'alto (Figura 26)

Figura 26. Schema di ricambio d'aria nella ventilazione generale

Schemi dall'alto verso il basso (vedi Fig. 26, a) e dall'alto verso l'alto (vedi Fig. 26, b) è consigliabile applicare nel caso in cui l'aria di mandata in un periodo freddo dell'anno dovrebbe essere inferiore alla temperatura ambiente. Le docce d'aria, prima di raggiungere l'area di lavoro, vengono riscaldate dall'aria della stanza. Si consiglia di utilizzare gli altri due schemi (vedere Fig. 26, c, d) quando l'aria di alimentazione viene riscaldata durante il periodo freddo dell'anno e la sua temperatura è superiore alla temperatura dell'aria interna.

Se impianti di produzione sono allocate gas e vapori con una densità maggiore della densità dell'aria (ad esempio, vapori acidi, benzina, cherosene, ecc), la ventilazione generale deve garantire la rimozione Nia 60% aria dalla zona spazio inferiore e il 40% - dall'alto. Se la densità del gas è inferiore alla densità dell'aria, la rimozione di aria contaminata viene effettuata in zonі superiore.

La ventilazione artificiale di ventilazione generale può essere fornita, scarico o scarico-alimentazione

Ventilazione dell'aria fresca

Fornisce la fornitura di aria esterna pulita nella stanza. In questo caso, la rimozione dell'aria inquinata viene effettuata attraverso fori di ventilazione, traversi, deflettori. Questo tipo di ventilazione meccanica viene utilizzato in locali industriali con una produzione di calore significativa e bassa concentrazione di sostanze nocive. Lo schema di ventilazione meccanica di alimentazione (Fig. 27) prevede: dispositivo di aspirazione dell'aria 2; filtro per purificazione dell'aria 2; aerotermo (aerotermo) 3; fan 5; una rete di condotti d'aria 4 e fornisce ugelli con ugelli 6. Se non è necessario preriscaldare l'aria di mandata, questa viene trasferita direttamente ai locali di produzione attraverso il canale di bypass 7.

I dispositivi di aspirazione dell'aria devono essere collocati in luoghi in cui l'aria non è contaminata da polvere e gas. Dovrebbero essere ad almeno 2 m dal livello del suolo e dai condotti di scarico dei gas di scarico in direzione verticale - inferiori a 6 me in orizzontale - non più vicini di 25 m.

Fig. 27. Lo schema di ventilazione forzata

L'aria di mandata viene fornita nella stanza, di regola, da un flusso diffuso, per il quale vengono usati ugelli speciali

Ventilazione di scarico

È usato in locali industriali dove non ci sono sostanze nocive, e la molteplicità necessaria di ricambio d'aria è piccola, così come nelle strutture ausiliarie, domestiche e di stoccaggio. La ventilazione di scarico (Fig. 28) consiste in un dispositivo di purificazione 1, un ventilatore 2, uno centrale. C e condotti di aspirazione 4.

Fig. 28. Lo schema di ventilazione di scarico

L'aria dopo la pulizia deve essere gettato ad un'altezza non inferiore a 1 m al di sopra del colmo del tetto. Non abortire direttamente in Windows

Fornitura e ventilazione di scarico

Viene utilizzato in ambienti in cui è necessario fornire un ricambio d'aria maggiore e affidabile. In questa forma di ventilazione meccanica in edifici industriali, dove una notevole quantità di gas nocivi, vapori, aspiratore al 10% maggiore della afflusso alle sostanze nocive non sono costretti fuori nelle aree adiacenti con meno nocività.

Nel sistema di alimentazione e ventilazione, è possibile utilizzare non solo l'aria esterna, ma anche l'aria dei locali dopo la pulizia. Questo riutilizzo di aria interna è chiamato ricircolo e viene effettuato durante il periodo freddo dell'anno per risparmiare il calore speso per il riscaldamento dell'aria fresca. Tuttavia, la possibilità di riciclaggio è determinata da un numero di requisiti sanitari, igienici e anti-obesità.

Ventilazione di locali industriali: regole per lo scambio di aria

Il principale lavoro svolto dalla ventilazione degli impianti di produzione è la rimozione dell'aria utilizzata e l'iniezione di aria fresca. Con il suo aiuto nei workshop, le imprese creano un ambiente aereo confortevole che soddisfa i requisiti normativi.

Solo in tali condizioni è possibile ottenere un aumento della produttività del lavoro.

Classificazione dei sistemi di ventilazione

Tutti i sistemi di ventilazione esistenti sono raggruppati in base a 4 caratteristiche:

  1. A seconda di come l'aria viene spostata, la ventilazione viene chiamata naturale, meccanica o artificiale, combinata, quando entrambe le opzioni sono presenti contemporaneamente.
  2. Se procediamo dalla direzione del flusso d'aria, i sistemi di ventilazione possono essere suddivisi in afflusso, scarico o scarico.
  3. Su questa base, come luogo di azione, i sistemi di ventilazione sono raggruppati in 3 gruppi: scambio generale, locale, combinato.
  4. Sulla base della designazione, vengono individuati i sistemi di lavoro e di emergenza.

Le basi per la progettazione della ventilazione per ambienti di lavoro in produzione sono le norme prescritte in SNIP 41-01-2003. Lo scambio di aria naturale e meccanico funziona secondo diversi schemi.

Mentre i processi che si verificano durante la ventilazione naturale dipendono dal calore e dalla pressione del vento e sono praticamente incontrollabili per una persona, lo scambio d'aria forzata è possibile solo con la sua partecipazione attiva.

Lo schema dell'azione dello scambio naturale d'aria

La ventilazione dei locali, effettuata nel primo modo, non è altro che una semplice messa in onda. Si verifica senza l'intervento umano ed è possibile, quando le recinzioni non sono abbastanza strette, e lasciare aria nella stanza dall'esterno e dall'interno.

La direzione è influenzata dalla pressione. Se i suoi indicatori hanno un valore più alto dall'esterno, allora si apre la strada per penetrare nella stanza di aria pulita dalla strada, altrimenti l'aria calda proveniente dalla stanza trova la via d'uscita. Spesso questi processi si verificano in parallelo.

La ventilazione naturale attiva si verifica inorganica a causa di circostanze accidentali. Si osserva in condizioni in cui la temperatura dell'aria all'esterno e all'interno dell'edificio è molto diversa.

Questo processo è anche facilitato dalla comparsa di sezioni separate con indici di alta e bassa pressione dal lato dello scafo, soffiati dal vento e dal suo lato più protetto, rispettivamente. In questa situazione, l'infiltrazione viene osservata - l'aria entra nella stanza dal lato sopravvento, ma esce verso l'esterno dal lato sottovento.

Il coefficiente di ricambio d'aria che caratterizza l'intensità del processo, con il metodo di ventilazione naturale, non supera 0,5. Condizioni confortevoli per le persone sul posto di lavoro e le attrezzature di lavoro, una visione non organizzata di questo tipo di ventilazione non può fornire. I sistemi appositamente progettati devono essere presenti qui.

La ventilazione naturale delle specie organizzate è realizzata per aerazione o mediante deflettori. Sia l'alimentazione che la rimozione dell'aria dalla stanza avvengono tramite aperture in strutture di chiusura o attraverso prese d'aria. Nella ventilazione del condotto c'è necessariamente un deflettore.

Scambio d'aria mediante aerazione

Nei negozi in cui la tecnologia prevede la generazione di calore in grandi quantità, l'aerazione comporta lo scambio d'aria, effettuata attraverso lanterne e finestre con l'influenza della temperatura e della pressione del vento. Nei negozi frigoriferi l'assimilazione dell'aria avviene solo sotto la pressione del vento.

Quando l'aerazione è necessaria, la contabilità obbligatoria della rosa dei venti, altrimenti le emissioni nocive dai tubi delle imprese vicine possono entrare nella stanza di produzione. Niente dovrebbe interferire con l'uscita di vapori, gas nocivi attraverso lanterne luminose.

Le migliori condizioni per la ventilazione creano una disposizione della struttura dal lato sopravvento in relazione alla produzione nociva. L'apertura e la chiusura delle traverse devono essere automatizzate in modo che possano essere controllate dal basso.

La loro diversa disposizione consente di regolare la fornitura di aria fresca. L'aerazione è un'opzione più adatta per i grandi magazzini dove non è possibile applicare la ventilazione meccanica a causa del suo alto costo.

L'altezza consigliata della fornitura di aria alla stanza con questo tipo di ventilazione è di almeno 0,3 e un massimo di 1,8 m nel periodo caldo e un minimo di 4 m nel freddo.

L'opzione ottimale è una finestra di design speciale su 3 livelli. Quando l'aria calda e calda passa attraverso i traversi, situati sotto e sporca, lascia la parte superiore.

La fila centrale di ventilazioni fornisce un flusso d'aria a una temperatura negativa. Nel momento in cui la massa d'aria raggiunge il livello del pavimento, ha tempo di scaldarsi.

Negli edifici di produzione di piccoli volumi, condotti o tubi destinati al disegno sono installati deflettori. Con il loro aiuto rimuovono l'aria di scarico dai negozi, dove c'è una cappa generale. Inoltre, sono utilizzati per rimuovere i gas caldi da forni, presse e trombe. Durante l'installazione procedere dalla traiettoria del flusso d'aria principale.

Ventilazione artificiale o meccanica

Essendo più perfetto, che naturale, questo tipo di ventilazione, assume significativi investimenti finanziari e operativi. In un tale sistema possono esserci dispositivi non solo purificanti, ma anche ionizzanti, idratanti, riscaldando l'aria.

La ventilazione meccanica può essere aria di mandata, scarico o ventilazione combinata, ad es. fornitura e scarico. I suoi vantaggi sono ovvi:

  1. Fornisce una presa d'aria pulita, la sua elaborazione - riscaldamento, asciugatura, umidificazione.
  2. Sposta le masse d'aria su distanze considerevoli.
  3. Offre l'opportunità di portare l'aria pulita direttamente sul posto di lavoro.
  4. Consente di rimuovere l'aria sporca da qualsiasi luogo e pulirla.
  5. Il suo lavoro non è influenzato dalle condizioni ambientali.

In generale, il sistema di scarico e di alimentazione funzionano insieme, ma a volte si consiglia di utilizzare solo uno di questi due tipi. Il compito della ventilazione forzata è quello di garantire la fornitura dello spazio di lavoro con aria che abbia un effetto benefico sulla salute delle persone.

Applicarlo principalmente dove i processi di produzione sono accompagnati da grandi rilasci di calore, contenenti una piccola quantità di sostanze nocive. L'aria pulita che passa attraverso i condotti dell'aria viene distribuita ai luoghi di lavoro attraverso l'uso di ugelli di distribuzione.

I sistemi che rimuovono l'aria dalla stanza contenente vari contaminanti sono chiamati scarico. Questo tipo di ricambio d'aria viene utilizzato nelle sale di produzione dove non ci sono emissioni nocive e il valore minimo di tali parametri come il tasso di ricambio dell'aria non è escluso.

Può essere magazzino, ausiliario, locali domestici. L'afflusso d'aria è fornito dall'infiltrazione.

In caso di necessità di ricambio d'aria attivo e affidabile, viene utilizzata la ventilazione di aspirazione e scarico. Al fine di proteggere in qualche modo le stanze a bassa contaminazione dagli ambienti adiacenti con un'alta concentrazione di sostanze nocive, dove gli inquinanti vengono rilasciati in piccole quantità, nel sistema viene creata una piccola pressione.

Nella fase di progettazione del lavoro sulla creazione di un sistema di alimentazione e ventilazione di scarico calcolare il flusso d'aria, per il quale viene utilizzata la formula: Lotti = 3600 FWo.

Qui F indica l'area totale delle aperture in m², W0 è il valore medio della velocità alla quale viene aspirata l'aria. Questo parametro dipende dalla tossicità delle emissioni e dal tipo di operazioni eseguite.

Le cappe di scarico possono essere a diverse altezze. La cosa principale è che le correnti d'aria contaminate non cambiano la loro traiettoria naturale. Le emissioni con un peso specifico maggiore rispetto all'aria sono sempre nella zona inferiore, pertanto anche i dispositivi per la loro raccolta devono trovarsi lì.

Nel periodo autunno-inverno, l'aria fornita alla stanza deve essere riscaldata. Per ridurre i costi, utilizzare il riciclaggio, che prevede il riscaldamento di parte dell'aria pulita e il suo ritorno nella stanza. In questo caso, è necessario osservare due regole:

  1. All'esterno, arriva non meno del 10% di aria fresca, e nell'aria inversa, il contenuto di pericoli non supera il 30% rispetto alla capacità massima consentita.
  2. È vietato utilizzare il ricircolo nei luoghi di lavoro, dove è presente polvere esplosiva nella massa d'aria, microrganismi in grado di provocare varie malattie, emissioni relative alle classi 1-3 di pericolo.

La scelta del tipo di ventilazione nel luogo di azione dipende dal peso delle emissioni, dalla loro concentrazione, dalla temperatura. La ventilazione generalizzata consente di rimuovere l'intera quantità di aria sporca, indipendentemente dai punti da cui viene emessa.

La versione del canale è stata più ampiamente utilizzata. Qui, per spostare l'aria attraverso condotti d'aria speciali, c'è un'installazione di espulsore o un ventilatore - centrifugo o assiale.

Se non ci sono condotti d'aria, allora il sistema è chiamato channelless. L'apparecchiatura di ventilazione in questo caso è montata direttamente nella parete o nel soffitto. La condizione principale - la presenza di ventilazione naturale.

La possibilità di emissione nella stanza con un alto grado di rischio di esplosione, non consente l'installazione di dispositivi di ventilazione non esplosivi sui condotti, pertanto in questi casi vengono utilizzati gli eiettori.

Il sistema di ventilazione di alimentazione è spesso collegato al riscaldamento centralizzato. Fuori dalla struttura, i ricevitori d'aria sono predisposti per l'immissione di aria fresca.

Gli alberi si trovano sopra il tetto e sopra il terreno. La cosa principale è che non ci dovrebbe essere alcuna produzione con emissioni nocive vicino ai ricevitori. Le aperture di aspirazione dell'aria devono essere almeno a 2 m da terra e se la produzione si trova nella zona verde, la distanza minima consentita dal livello del terreno al punto più basso dell'apertura deve essere di 1 m.

Il principio della ventilazione generale è semplice: il ventilatore aspira le masse d'aria attraverso il riscaldatore, qui c'è il riscaldamento. Inoltre, l'aria viene inumidita e talvolta essiccata ed entra nell'edificio attraverso speciali condotti dell'aria.

Il volume dell'aria in entrata è coordinato, progettato per questo scopo, da valvole o alette.

La ventilazione artificiale di ricambio generale del tipo di alimentazione e di scarico è aperta e chiusa. Nel primo caso, ci sono 2 sistemi indipendenti, uno dei quali pompa aria, e il secondo - in parallelo, rimuove le spese precedentemente disattivate.

Questi sistemi sono adatti per negozi in cui sono allocate sostanze appartenenti alle classi di pericolo 1-2 e la produzione stessa appartiene alle categorie A, B e B.

Ventilazione artificiale di emergenza

Oltre alla ventilazione funzionante in impianti di produzione potenzialmente pericolosi, deve esserci una versione di emergenza. Lo scarico per lo più. Per ambienti appartenenti alle categorie A, B, E, il sistema viene fornito con un azionamento meccanico.

Tutti gli elementi del sistema devono essere conformi ai requisiti del PUE. Nei negozi delle categorie B, D, D, è ammessa la presenza di un impulso naturale per la ventilazione, a condizione che la produttività sia fornita nelle condizioni climatiche più sfavorevoli.

Reticoli e rami del sistema di ventilazione di emergenza si trovano nei luoghi di massima concentrazione di sostanze pericolose.

Su tubi e miniere di ventilazione di emergenza non è necessario installare ombrelli. È inammissibile collocare aperture in aree in cui le persone sono costantemente in piedi. Ciò peggiorerà il microclima locale.

La ventilazione forzata d'emergenza è installata nei negozi, dove in caso di emergenza, ci sarà un rilascio di vapori o gas più leggeri dell'aria. Il passaggio alla ventilazione di emergenza deve avvenire automaticamente, non appena il sistema normale si guasta.

Ventilazione locale dei locali

Lo scarico locale rimuove l'aria di scarico nei luoghi in cui è contaminata. La cappa aspirante comprende ventole di scarico, tubazioni, griglie di ventilazione.

La ventilazione locale progettata per rimuovere le sostanze appartenenti alla prima e alla seconda classe di pericolo dall'apparecchiatura è disposta in modo tale che quando l'impianto di ventilazione viene spento, l'avviamento dell'apparecchiatura diventa impossibile.

In alcuni casi vengono forniti ventilatori di riserva e vengono fornite pompe di automazione locali. Dividere tale ventilazione in 2 tipi: alimentazione e scarico. Il tipo di ventilazione in ingresso viene eseguito sotto forma di cortine di calore, docce d'aria.

Tende d'aria dall'aria

Le aperture che restano aperte a lungo (oltre 40 m per turno) o aperte abbastanza spesso (più di 5 volte), contribuiscono al super-raffreddamento delle persone nella stanza. Le conseguenze negative sono anche causate dal funzionamento degli impianti di essiccazione che emettono inquinamento.

In questi casi, le barriere d'aria sono disposte. Fungono da barriera all'aria fredda o molto calda. Gli schermi termici ad aria e ad aria sono progettati in modo che quando fa freddo nelle aperture, la temperatura nei negozi non scenda sotto il segno:

  • 14⁰ - durante l'esecuzione di un lavoro che non richiede molto sforzo fisico;
  • 12⁰ - quando il lavoro è classificato di media gravità;
  • 8⁰ - quando fai un duro lavoro.

Se i luoghi di lavoro si trovano vicino al cancello e alle aperture tecnologiche, installa schermate o partizioni. La cortina d'aria vicino alle porte rivolte verso l'esterno deve essere costituita da aria con una temperatura massima di 50 °, e al cancello - non più di 70 °.

Scarico locale con pompe di aspirazione speciali

Il sistema di scarico locale con aspirazione speciale prima cattura e quindi rimuove le impurità nocive per la salute sotto forma di gas, fumo e polvere. Questo è un tipo di getto d'aria, il cui compito è quello di iniettare aria fresca in una posizione fissa e abbassare la temperatura nella zona di afflusso.

Viene utilizzato nella produzione, dove i lavoratori sono esposti a temperature elevate e intensità di energia radiante superiore a 300 kcal / m² all'ora, irradiati da forni di riscaldamento e fusione. Esistono installazioni come fisse e mobili. Dovrebbero fornire una velocità di soffiaggio da 1 a 3,5 m / s.

Esiste anche un'oasi aerea, che è lo stesso dispositivo incluso nel sistema di ventilazione locale. Crea un microclima con parametri specificati in una determinata parte della stanza di produzione.

L'aria purificata fornita ad una data zona alienata viene solitamente sottoposta ad un trattamento speciale di calore e umidità.

Se il dispositivo di aspirazione locale viene avvicinato direttamente al punto di rilascio degli inquinanti, sarà possibile rimuovere aria contenente una percentuale maggiore di essi rispetto alla ventilazione del tipo di ricambio generale. La ventilazione locale può ridurre significativamente lo scambio d'aria.

Calcolo dello scambio d'aria in due parametri

Se non vengono rilasciate sostanze nocive a seguito di attività produttive, la quantità di aria necessaria per la ventilazione viene calcolata con la formula: L = N × Ln.

N è il numero di persone di solito nella stanza, Ln è il volume d'aria richiesto per 1 persona, misurato in m / h. Normalmente è da 20 a 60 mᶾ / h.

Con l'uso di un parametro come la frequenza dello scambio d'aria, il calcolo viene eseguito secondo la formula: L = n × S × H, dove n è il tasso di ricambio d'aria nella stanza. Per una sala di produzione, n = 2. S è l'area di una stanza in m², e H è la sua altezza in m.

Video utile sull'argomento

Qui tutto sulla complessità di tutti i possibili sistemi di ventilazione:


Dettagli sull'installazione del sistema:


Qualunque sia il sistema di ventilazione scelto, deve avere due proprietà principali: design e funzionalità competenti. Solo se queste condizioni sono soddisfatte nei locali di produzione è il microclima che è sempre ottimale per la salute.