Quanta elettricità consuma il climatizzatore?

In questo articolo, consideriamo in dettaglio il consumo di elettricità del condizionatore d'aria, il principio del consumo di energia nel condizionatore d'aria e esempi di calcoli per condizionatori d'aria di diverse capacità.

Il coefficiente EER e il coefficiente COP sulla scala di efficienza energetica determinano la quantità di consumo di energia elettrica, il primo dei quali rappresenta la dipendenza della produzione di raffreddamento sull'aggregato sulla potenza elettrica consumata. Un valore più alto del coefficiente corrisponde ad una classe di alta efficienza energetica.

Il secondo fattore esprime la dipendenza della potenza del condizionatore ad aria condizionata dalla quantità di elettricità consumata.

I maggiori costi energetici nel funzionamento del condizionatore d'aria vengono deviati utilizzando aria calda esterna per riscaldare la stanza e per scaricare l'aria dalla stanza verso l'esterno per il raffreddamento.

Come dimostra la pratica, l'impiego del condizionatore d'aria consumata potenza inferiore a tre volte l'unità produce il raffreddamento e riscaldamento. Ad esempio, un dispositivo utilizzato 700 watt di potenza 2 kW spende raffreddare, accade a causa dell'uso di freon o altro refrigerante spurgo calore dalla camera e emetterlo attraverso uno scambiatore di calore all'esterno.

Il consumo di elettricità per aria condizionata dipende da diversi fattori:

  1. Capacità dell'unità.
  2. Differenze di temperatura all'interno e all'esterno dell'edificio.
  3. Area della stanza.

Il calcolo dei costi energetici è determinato dal consumo energetico dell'unità.

Potenza consumata per l'aria di raffreddamento, è un'operazione di base dei parametri del dispositivo e dipende dalle affluenti termici da finestre, pareti e soffitti integrabile con affluenti termici umani e affluenti dispositivi domestici. Non dobbiamo dimenticare che l'efficace funzionamento del climatizzatore è possibile solo se la finestra è chiusa. Presa d'aria con una finestra aperta non è standardizzato, quindi è impossibile calcolare la capacità del dispositivo correttamente, con la finestra aperta il condizionatore d'aria non può far fronte con una determinata opera di raffreddamento ad aria. Di conseguenza, il consumo di elettricità sarà aumentato di circa il 10 - 15%.

Il consumo di energia è determinato dal consumo di energia e dal valore medio del tempo di funzionamento quando il condizionatore d'aria è completamente carico.

  1. 2 ore al 100% di consumo energetico.
  2. 3 ore - 75%.
  3. 5 ore - 50%.
  4. 4 ore - al 25%.

Queste modalità operative sono valide per un condizionatore che funziona a temperature elevate. Dopo aver determinato il consumo giornaliero di elettricità, moltiplicando questo valore per il numero di giorni in un determinato mese e per il costo per 1 kWh, otteniamo la quantità di energia che il climatizzatore utilizza al mese.

Il valore medio del consumo energetico del climatizzatore al giorno dipende dal valore della temperatura dell'aria nella stanza e dalle condizioni meteorologiche impostate dal dispositivo.

Quanta elettricità consuma il condizionatore d'aria in 1 ora

Tutti i climatizzatori sono suddivisi in diverse dimensioni a seconda della capacità.

Quanto kilowatt di elettricità consuma il condizionatore d'aria di un particolare modello è indicato nelle specifiche tecniche dell'istruzione operativa, e su un'etichetta speciale sull'unità stessa, indica il valore del coefficiente sulla scala di efficienza energetica del condizionatore d'aria.

Quanto consuma il condizionatore d'aria

Non è raro che i condizionatori d'aria confondano due caratteristiche: consumo energetico e capacità di raffreddamento. Per capire quanto consuma il climatizzatore

per distinguere questi concetti. In questo articolo, ti diremo dove viene indicato il consumo energetico e come cambia durante il funzionamento del condizionatore d'aria. Inoltre, apprendiamo il costo del consumo energetico in termini monetari.

La prima cosa che devi sapere è che qualsiasi climatizzatore ha il consumo e la potenza che il condizionatore emette. Inoltre, il secondo, distingue due altri tipi: potenza per il raffreddamento e potenza per il riscaldamento. Pertanto, tre tipi di questo indicatore sono solitamente indicati sulle piastre delle unità del condizionatore d'aria:

  • consumo di energia (potenza assorbita);
  • capacità di raffreddamento;
  • riscaldamento di potenza.

Di questi indicatori, il valore più basso è sempre la potenza consumata. E la capacità di riscaldamento è leggermente superiore alla capacità di raffreddamento (a volte queste cifre sono espresse in Btu / h, ma questo è già l'argomento di un altro articolo). Si scopre che il condizionatore spende meno energia di quanta ne produca. E questo è così, perché l'energia nel sistema split è spesa solo sul movimento di energia termica tra l'unità esterna e quella interna.

Uno degli indicatori più importanti è collegato alle caratteristiche di potenza: efficienza energetica del sistema split. Con questo indicatore, sappiamo quale condizionatore è più economico in termini di consumo di elettricità. L'efficienza energetica è espressa dal coefficiente ed è definita come il rapporto tra l'output e il consumo energetico. Conoscendo questo coefficiente, la classe di efficienza energetica è determinata dalla tabella. perché distinguere due tipi di potenza di uscita (per riscaldamento e raffreddamento), quindi distinguere due efficienza energetica. Come potete immaginare, questo è l'efficienza energetica per il riscaldamento (COP) e l'efficienza energetica per il raffreddamento (EER). Più alto è il valore, più economico è il condizionatore d'aria.

Attualmente nella Federazione Russa c'è la classificazione presentata. Ma su alcuni elettrodomestici, possiamo anche incontrare le classi A +, A ++, A +++, che indicano una redditività ancora maggiore.

Cosa determina il consumo energetico del condizionatore d'aria

Questo indicatore dipende da molti fattori:

  • la differenza di temperatura nella strada e nella stanza. Quando l'esterno è + 35 ° C e la stanza deve essere impostata a +23 ° C, il consumo sarà superiore a +30 ° C all'esterno;
  • contaminazione del condizionatore d'aria. Se il dispositivo viene riparato in modo tempestivo, l'efficienza del suo funzionamento sarà maggiore;
  • operazione impropria. Se usi un sistema split con finestre aperte, "kilowatt" andrà in strada;
  • tipo di compressore:
    • Il compressore del climatizzatore "on / off" (non invertente) funziona a potenza costante. Pertanto, viene periodicamente attivato e disattivato. E sui blocchi viene indicato un valore di consumo energetico.
    • Nei condizionatori con controllo inverter, tutto è un po 'più complicato, perché cambiano continuamente potenza durante il funzionamento. Hanno per questo indicatore indicare il valore minimo e massimo (oltre alla media).

Ma calcolare il consumo di tutti i suddetti fattori ha un'importanza secondaria e non è necessario per complicare i calcoli. Il calcolo più accurato e corretto del consumo può essere basato sulla potenza media (indicato sul condizionatore d'aria, nel catalogo o istruzioni). Immagina quanto tempo impiegherà il dispositivo di notte e di pomeriggio.

Importante! Spesso i blocchi indicano il consumo massimo (Max INPUT) o la potenza nominale (Ingresso nominale): questi indicatori vengono utilizzati per altri scopi e per il calcolo non sono necessari. Ma, nota che nella seconda foto c'è anche la scritta "Input nominale" (potenza nominale), e qui implica già il consumo medio di energia (di cui abbiamo bisogno). Potrebbe essere dovuto a errori di traduzione. Pertanto, senza esperienza, è difficile determinare questo indicatore.

Quanto consuma il condizionatore in termini di denaro

Un calcolo approssimativo del consumo per stagione:

Se l'aria condizionata è potere 0,7 kW ( "Seven") 10 ore al giorno, 3 mesi consecutivi, allora sono necessari circa 300 kW (dato che durante queste 10 ore a corretta compressore dispositivi di selezione opera solo la metà del tempo). Ad un costo energetico di 3,5 rubli / kWh, il costo per l'elettricità è di 1050 rubli. I climatizzatori a inverter possono risparmiare fino al 30% di questa quantità.

  • La TV consuma circa 0,3-0,5 kW / h di elettricità;
  • ferro 2,0-2,5 kW / h;
  • computer 0,4-0,5 kW / ora;
  • condizionatore "nove" 0,6-0,9 kW / h.

Così, abbiamo scoperto quanto consuma il condizionatore d'aria per stagione e da cosa dipendono questi indicatori. Leggi l'articolo "Come scegliere la potenza del sistema split".

Quanta elettricità consuma il climatizzatore?

L'aria condizionata è un elemento importante in casa, che crea le condizioni ottimali per un passatempo confortevole. Molte persone credono erroneamente che il dispositivo consuma molta elettricità, ma non sanno che costa meno al mese rispetto ad altri dispositivi elettrici.

Quanta elettricità consuma il climatizzatore?

Il fattore costo energetico per l'efficienza energetica misura il volume del consumo di elettricità, che rappresenta la dipendenza della produttività della produzione di refrigerante dalle apparecchiature sul volume di elettricità. Inoltre, il coefficiente mostra la dipendenza della produttività diretta sul ritorno di calore al dispositivo sulla quantità di elettricità consumata.

Il consumo maggiore della fonte di energia nel funzionamento dell'apparecchiatura è ottenuto grazie all'utilizzo di aria calda esterna per aumentare la temperatura nella stanza e per scaricare l'aria attraverso i tubi per il raffreddamento.

Il consumo di elettricità è espresso in kW. In media, il consumo energetico del condizionatore d'aria è inferiore alla potenza erogata per il raffreddamento o il riscaldamento dell'aria. Ad esempio, un'attrezzatura che utilizza 600 watt di potenza spende 2 kW per raffreddare la stanza utilizzando il freon o un'altra portante del refrigerante.

In sostanza, il consumo di energia elettrica delle apparecchiature dipende dai seguenti fattori:

  • Area totale dell'area di lavoro
  • Produttività del dispositivo;
  • La differenza di temperatura nella stanza e oltre.

La potenza utilizzata per lavorare con la temperatura della casa si riferisce agli indicatori principali di prestazione del condizionatore d'aria ed è determinata dall'afflusso di calore da finestre, soffitti, pareti o elettrodomestici. Non dimenticare che le alte prestazioni del climatizzatore si ottengono solo con aperture chiuse (finestre o porte). L'afflusso d'aria dall'apertura della finestra non è normalizzato correttamente, quindi è difficile calcolare correttamente la potenza del condizionatore d'aria. Data la porta aperta o la finestra, l'apparecchiatura non garantisce un raffreddamento o un riscaldamento efficace dell'aria. Ciò significa che il consumo di elettricità sarà aumentato del 15%.

I produttori raccomandano di aderire alla norma dei regimi di carico per un dispositivo che opera nei periodi caldi. Dopo aver ottenuto il valore del consumo giornaliero di elettricità, l'indicatore viene moltiplicato per il numero di giorni in un determinato periodo. Ciò consente di calcolare approssimativamente il consumo di energia per un mese o un anno.

L'indice medio è determinato dall'intervallo di temperatura specificato nella stanza e dalle condizioni meteorologiche.

Specifiche del condizionatore d'aria

In genere, i produttori indicano nella documentazione tecnica i principali indicatori di alimentazione. Questi includono le prestazioni quando si lavora per il raffreddamento della stanza, il suo riscaldamento e, naturalmente, il consumo di elettricità. I primi due indicatori non vengono presi in considerazione durante il calcolo della quantità di energia consumata dal condizionatore d'energia, sulla base della quale viene selezionata l'opzione migliore, in modo tale da fornire supporto microclimatico in una stanza di una certa area.

Il consumo del condizionatore d'aria è tre volte inferiore alla capacità nella modalità di raffreddamento. È questa cifra presa come base quando è necessario calcolare il tasso medio di spesa per un determinato periodo (mese, anno). Come mostra la pratica, il numero non raggiunge 2-4 kilowatt e, approssimativamente, 0,9 kW. Questa cifra è significativamente inferiore a quella di un bollitore o di un ferro da stiro. L'errore principale nel calcolo è che molti non tengono conto della durata del condizionatore d'aria, quindi costa di più, ma se accendi il bollitore elettrico per lo stesso tempo, i costi raddoppieranno.

Inoltre, dovresti considerare un tale indicatore come la potenza del condizionatore d'aria. Per calcolare la capacità dell'unità procedere dal valore medio (35 W) per ogni metro cubo della stanza raffreddata. Ad esempio, per una stanza di 20 metri quadrati con un'altezza del soffitto di 2,6 metri, è necessaria una capacità di raffreddamento di 2W. Inoltre, dovresti prestare attenzione al numero di finestre, alla loro posizione e alla frequenza di apertura. Ci vorrà più energia per raffreddare la stanza se l'aria calda scorre continuamente attraverso l'apertura della finestra.

Non dimenticare il riscaldamento elettrico, perché il climatizzatore non è solo per il raffreddamento della stanza, ma anche per il suo riscaldamento. L'attrezzatura svolge il suo compito trasportando aria calda dall'esterno della casa. In modalità riscaldamento, il dispositivo genera da 3 a 4 kW di calore, mentre viene utilizzato solo 1 kW di energia elettrica.

Quanto consuma l'aria condizionata all'ora?

Molte persone sono interessate alla domanda di quanto elettricità viene consumata all'ora? Questo indicatore dipende da molti fattori. Il più importante di questi è il tipo di condizionatore d'aria.

Esistono le seguenti dimensioni standard che determinano la potenza:

  1. Sette - le dimensioni minime, attrezzature con una capacità di 2 kW all'ora del suo lavoro, per lo stesso tempo il consumo di energia elettrica raggiunge 0,8 kW;
  2. Nove è un condizionatore d'aria popolare tra i clienti e utilizza 0,81 kW all'ora per prestazioni in due kW e mezzo;
  3. Il dodicesimo è un aggregato che utilizza, in media, 1 kW all'ora del suo lavoro per ricevere tre kilowatt di potenza;
  4. Diciottesimo: equipaggiamento che consuma un chilowattora e mezzo all'ora per ottenere 50kW di potenza.

Per un calcolo più accurato è necessario utilizzare la regola principale - studiare attentamente la documentazione tecnica dell'attrezzatura dal produttore. Viene sempre indicato il consumo medio all'ora e altre importanti caratteristiche del climatizzatore. Inoltre, il valore può essere trovato sull'unità stessa. In generale, un adesivo è incollato sul pannello laterale, sul quale sono dipinte importanti caratteristiche tecniche del dispositivo. Lo stesso vale per i condizionatori d'aria inverter.

Ancora una volta, non dimenticare una serie di fattori che determinano i costi energetici ed energetici del condizionatore d'aria per il riscaldamento o il raffreddamento della stanza. Ad esempio, se la strada è di 40 gradi e la temperatura operativa specificata è 20 gradi, sarà necessaria più potenza per il buon funzionamento, il che comporterà costi aggiuntivi. Inoltre, puoi dare un esempio di una finestra aperta. Non importa quale modalità è indicata dal pannello di controllo, se l'aria calda o fredda scorre continuamente attraverso l'apertura della porta o della finestra, il condizionatore d'aria richiederà più prestazioni e, corrispondentemente, costi aggiuntivi di energia elettrica.

Quanto costerà il comfort estivo?

Come già inteso, il costo dell'elettricità al mese dipende da quanti kilowatt hanno speso l'aria condizionata per i loro compiti principali. Ad esempio, se si utilizza il condizionatore d'aria "sette" con una capacità di 0,8 kilowatt, circa 11 ore al giorno, 4 mesi consecutivi, utilizza 1050 kW di energia elettrica. Se supponiamo che una unità costa 3 rubli, l'importo per 4 mesi sarà di 3150 rubli. Vale la pena notare che le opzioni inverter possono risparmiare fino al 30% di questa quantità.

  • Il computer consuma 0,4 chilowatt all'ora;
  • TV - 0,5 kW;
  • Il condizionatore (sette) - 0,81kilovatta;
  • Il ferro consuma 2 kilowatt;
  • Bollitore elettrico - da 1,5 a 2,5 kW all'ora del loro lavoro.

Se qualcuno pensa che il ferro sia più economico del condizionatore, dovresti accendere il primo dispositivo per la stessa ora (4 mesi 11 ore al giorno). L'importo per quattro mesi sarà 3-4 volte superiore al costo del condizionatore d'aria.

Il costo del mantenimento del condizionatore d'aria può essere ridotto attraverso diversi metodi. I produttori raccomandano agli acquirenti di attenersi alle seguenti figure: i dispositivi che hanno una potenza in 3,5 kilowatt utilizzeranno, in media, 1 kW all'ora di funzionamento quando eseguono trucchi di base.

La prima cosa da considerare è la potenza massima che non brucerà il cablaggio, le caratteristiche dei tappi di protezione e le proprietà della presa.

Ad oggi, una delle opzioni popolari per risparmiare sulla creazione del microclima ottimale è l'acquisto di un condizionatore d'aria inverter. Se si utilizza tale sistema, è possibile ridurre i costi di tre volte senza perdere le prestazioni del dispositivo. L'indicatore giornaliero del consumo di tale aggregato non supera la metà di kilowatt e il costo medio per il funzionamento di un condizionatore d'aria non supera i 400 rubli.

Se non ci sono desideri e soldi per acquistare nuove attrezzature, si raccomanda di rispettare le seguenti regole:

  • Monitorare il flusso d'aria dall'esterno dei locali;
  • Impostare il regime di temperatura ottimale;
  • Non sovraccaricare il sistema di aria condizionata.

La prima regola è facilmente raggiungibile limitando l'ingresso di aria esterna nella stanza. Per fare questo, è necessario chiudere le finestre in tempo, monitorare le condizioni della porta e pianificare correttamente il sistema di ventilazione, attraverso il quale passa un grande volume di aria dall'esterno della casa. Si raccomanda di non consentire correnti d'aria che si miscelano rapidamente con l'aria condizionata.

La seconda regola è la più semplice. Ad esempio, se ci sono 40 gradi di calore all'esterno della finestra, è necessario impostare la temperatura della stanza di almeno 20 gradi, in modo che la differenza di temperatura non sia influenzata dal consumo di energia e dal consumo energetico.

Il sovraccarico del sistema influisce notevolmente sulla potenza e sui costi, rispettivamente. I produttori consigliano di utilizzare il condizionatore d'aria per non più di 5 ore senza interruzione. Se trascuriamo una tale figura, l'apparecchiatura può consumare più energia elettrica per svolgere le sue funzioni di base.

Funzioni e caratteristiche dei climatizzatori

Le sezioni precedenti hanno aiutato a determinare il tipo appropriato di condizionatore d'aria e a calcolare la sua potenza, qui parleremo delle funzioni, caratteristiche e capacità dei sistemi split.

Potenza consumata dal condizionatore d'aria

Efficienza energetica del condizionatore d'aria, coefficienti EER e COP

L'efficienza energetica del condizionatore d'aria è determinata da quante volte la sua capacità di raffreddamento è superiore al consumo di energia. Viene chiamato il coefficiente uguale al rapporto tra questi due parametri EER (Rapporto di efficienza energetica). Un altro fattore - COP (Coefficiente di prestazione) mostra l'efficienza del condizionatore d'aria nella modalità di riscaldamento ed è uguale al rapporto tra la potenza di riscaldamento e il consumo di energia. Il valore del coefficiente EER dei sistemi split nazionali si trova di solito nell'intervallo 2.5 fino a 3.5, e COP - da 2.8 fino a 4.0 (nei moderni modelli di inverter ERR e COP possono raggiungere 4,5-5,0). Puoi vedere che il valore di COP medio è maggiore di EER. Ciò è dovuto al fatto che durante il funzionamento il compressore si riscalda e trasferisce il calore in eccesso a Freon, quindi i condizionatori producono più calore che freddo. Questo fatto è talvolta utilizzato dai produttori, il che indica nella pubblicità solo il coefficiente COP per confermare l'elevata efficienza energetica dei loro sistemi split.

Per rendere più facile per i clienti confrontare l'efficienza energetica dei diversi modelli, è stata introdotta una scala di condizionamento dell'aria per i condizionatori d'aria, nonché per il resto degli elettrodomestici, composta da sette categorie, contraddistinte da lettere da la (meglio) a sol (il peggio). I climatizzatori della categoria G hanno COP 3,6 ed EER> 3,2.

Coefficienti stagionali SEER e SCOP

Parametri per il calcolo della EER condizionatore e COP misurata in condizioni rigorosamente definite secondo la norma ISO 5151 (condizionatore funziona alla massima potenza, la temperatura esterna + 35 ° C in una modalità di raffreddamento o + 7 ° C in riscaldamento). In condizioni reali, l'efficienza energetica del condizionatore d'aria è generalmente inferiore. Affinché i consumatori possano stimare il consumo effettivo di energia del condizionatore d'aria e confrontare i diversi modelli per questo parametro, i coefficienti stagionali SEER (Rapporto sull'efficienza energetica stagionale) e SCOP (Coefficiente stagionale delle prestazioni). Per calcolare questi coefficienti è determinato dalla quantità di freddo o di calore generato da aria condizionata in una stagione, che è diviso in consumo nello stesso periodo, elettricità. Per meglio valutare la dipendenza dell'efficienza energetica dalla temperatura esterna, il coefficiente SCOP viene calcolato separatamente per le diverse zone climatiche. Dal 2013, il mercato europeo ha introdotto un nuovo tipo di adesivi, incollati sui condizionatori d'aria. Su di essi invece di EER e COP indicato fattori stagionali, e lo SCOP può essere specificato per i tre climi (requisito indispensabile finché è incaricato di sola zona centrale, che è legato al clima di Strasburgo). Sulla base dei coefficienti stagionali, una nuova scala di efficienza energetica dei condizionatori d'aria D (SEER 8.5, SCOP> 5.1). Maggiori dettagli su queste innovazioni sono descritti nella brochure SEER / SCOP (estratto dal catalogo di Mitsubishi Electric).

Probabilmente hai già notato che i valori dei coefficienti stagionali SEER e SCOP sono più che tradizionali EER e COP, anche se dovrebbe essere viceversa. Il fatto è che i coefficienti stagionali sono stati utilizzati per la prima volta negli Stati Uniti, dove non sono usati kW tradizionali per la capacità di raffreddamento, ma BTU / ora. Pertanto, nel determinare i coefficienti stagionali, la quantità di freddo o di calore viene misurata in BTU / h, mentre l'energia consumata viene misurata nei soliti Watt. Poiché 1 W ≈ 3,41 BTU / h, i valori dei coefficienti stagionali si sono rivelati approssimativi 3.4 tempi superiori ai valori che avremmo ottenuto misurando la potenza di raffreddamento in Watt, come avviene nel calcolo di EER e COP. Puoi anche vedere che SEER> SCOP (EER e COP avevano il rapporto opposto). Ciò è dovuto al fatto che in condizioni reali, SCOP viene misurato nella stagione fredda e, a basse temperature esterne, l'efficienza energetica del condizionatore d'aria viene notevolmente ridotta.

Quanto devi pagare per l'elettricità?

Nel calcolo dei coefficienti stagionali, viene determinato un altro parametro molto importante per il consumatore, il cui valore è indicato anche sull'adesivo. Questa è la quantità totale di elettricità consumata dal condizionatore per l'anno (separatamente per le modalità di raffreddamento e riscaldamento) - kWh / anno. Se questo numero viene moltiplicato per il costo di kWh, otteniamo il costo annuale dell'elettricità consumato dal condizionatore d'aria. È necessario solo considerare che la metodologia di calcolo si basa sul raffreddamento economico europeo: la temperatura dell'aria all'interno della stanza è impostata a + 26,7 ° C (ARI Standart 210/240). Pertanto, in pratica, il consumo energetico è probabilmente superiore a quello indicato sull'adesivo. È inoltre possibile stimare il costo dell'elettricità consumata durante la stagione in diverse condizioni meteorologiche utilizzando la calcolatrice.

Che cos'è un condizionatore d'aria inverter?

Forse la differenza più importante tra alcuni modelli di sistemi split dagli altri è la presenza o l'assenza di un inverter - un modulo elettronico situato nell'unità esterna, che consente di variare la velocità del compressore senza intoppi. Vediamo come i diversi condizionatori d'aria inverter si differenziano da quelli convenzionali da un punto di vista pratico.

Qualsiasi condizionatore d'aria opportunamente selezionato può mantenere una temperatura ambiente di 20-22 ° C ad una temperatura esterna di 30-35 ° C. Se l'esterno non è troppo caldo, la capacità del condizionatore d'aria sarà eccessiva, ma non può essere modificata, perché il compressore di un condizionatore d'aria convenzionale (non inverter) ha una capacità fissa. Allo stesso tempo, per un accurato mantenimento della temperatura impostata, il climatizzatore deve avere una capacità di raffreddamento variabile. Questo problema è risolto semplicemente. Quando il condizionatore d'aria è acceso, il sensore di temperatura monitora costantemente la temperatura dell'aria della stanza, e quando scende di 1-2 ° C sotto il valore impostato, il compressore si spegne. La ventola dell'unità interna continua a funzionare, quindi l'arresto del compressore non è evidente e si manifesta solo in un graduale aumento della temperatura. Quando sale di 1-2 ° C sopra il valore impostato, il compressore si accende e l'intero ciclo si ripete. Lo svantaggio di questa tecnologia sono le forti fluttuazioni della temperatura all'interno della stanza, poiché per la sua manutenzione più accurata sarebbe necessario accendere e spegnere il compressore troppo spesso, e questo porterebbe al suo rapido deterioramento. Un altro svantaggio è che quando il compressore viene acceso dall'unità interna, l'aria molto fredda inizia a soffiare - quando passa attraverso l'evaporatore si raffredda a 13-15 ° C. Se, per esempio, la temperatura dell'aria corrente nella stanza è di 24 ° C, il flusso d'aria creato dal condizionatore avrà una temperatura di 9-11 ° C, indipendentemente dalla temperatura impostata sul pannello di controllo. Essere vicini al flusso di una tale aria fredda non è solo scomodo, ma anche pericoloso per la salute.

Era solo nel 1981, quando il primo condizionatori d'aria inverter, avere una potenza variabile di raffreddamento (riscaldamento). L'unità inverter in tali condizionatori converte la tensione CA in una tensione costante, che consente di modificare agevolmente la velocità del compressore, regolando in tal modo la potenza del condizionatore d'aria e la caduta di temperatura all'ingresso e all'uscita dell'unità interna.

Se la stanza è calda, il compressore funziona ad una velocità maggiore e il condizionatore d'aria raffredda rapidamente la stanza a un livello confortevole. Tuttavia, il compressore non si spegne, ma abbassa i giri, in modo che il flusso d'aria all'uscita del condizionatore d'aria diventi solo leggermente più freddo dell'aria nella stanza. È questa caratteristica dei modelli di inverter che consente di dire che creano condizioni più confortevoli e mantengono più precisamente la temperatura impostata. Inoltre, tali climatizzatori consumano meno elettricità (del 30-50%) e meno rumore.

Nelle directory per i modelli di inverter, in genere non viene specificato un valore di potenza, ma l'intervallo in cui può variare. Di questo intervallo è più ampio, più esattamente il condizionatore può supportare la temperatura impostata.

La possibilità di riscaldamento (aria condizionata "caldo - freddo")

Ci sono condizionatori che possono solo raffreddare l'aria, chiamati solo freddo e condizionatori d'aria con la possibilità di riscaldare l'aria, chiamato caldamente freddo, pompa di calore, condizionatore d'aria reversibile o semplicemente "caldo»Aria condizionata. I modelli con la possibilità di riscaldare l'aria sono il 10-15% più costosi, ma in bassa stagione (in autunno e primavera) possono sostituire il riscaldatore.

Si prega di notare che tutti i condizionatori d'aria con pompa di calore possono lavorare efficacemente solo a temperature esterne positive, quindi è difficile riscaldarsi con l'aiuto del condizionatore d'aria in inverno (maggiori dettagli a riguardo sono riportati di seguito). Le eccezioni sono solo modelli speciali di condizionatori d'aria e pompe di calore progettati per funzionare a basse temperature dell'aria (ad esempio, la serie Zubadan Mitsubishi Electric).

Livello di rumore del climatizzatore

Nella maggior parte dei condizionatori domestici il livello di rumore dell'unità interna è compreso tra 22 e 35 dB, l'unità esterna - 38-54 dB. Si può vedere che il rumore dell'unità interna non supera il livello di rumore dello spazio ufficio. Pertanto, prestare attenzione a questo parametro ha senso se si prevede di installare il condizionatore d'aria in una stanza silenziosa (camera da letto, ufficio privato, ecc.).

Sembrerebbe che ora sia sufficiente scegliere il climatizzatore con il livello di rumore più basso e il comfort è garantito. Ma non tutto è così semplice: può darsi che un condizionatore d'aria con un livello di rumore di 24 dB, in pratica, funzioni più forte di un condizionatore d'aria con un livello di 26 dB. E qui non c'è inganno e tutte le misure sono state fatte correttamente. Ci possono essere diverse ragioni per questo:

  • In primo luogo, diversi produttori possono utilizzare diversi metodi di misurazione del rumore, il che ha un effetto significativo sui risultati ottenuti. Ad esempio, la distanza dal microfono di misurazione secondo standard diversi può essere compresa tra uno e tre metri.
  • In secondo luogo, il condizionatore d'aria può funzionare in diverse modalità e ogni modalità ha il proprio livello di rumore. Poiché la principale fonte di rumore è dell'unità interna del flusso d'aria che passa attraverso il sistema ventola del radiatore WR-distribuzione, è vantaggioso per i produttori di misura del livello sonoro alla velocità della ventola più basso, e di farlo anche la velocità minima più bassa possibile. Il problema è che nella stagione calda, il condizionatore funziona alla velocità minima, non sarà in grado di mantenere una temperatura confortevole e aumenterà automaticamente la velocità della ventola. Nella descrizione del condizionatore d'aria è di solito dato livello di rumore per tutti i modi di funzionamento della ventola o almeno i valori per la velocità minima e massima. Il tipico livello di rumore dell'unità interna di un condizionatore d'aria premium è 23-29-32 dB per una ventola a tre velocità. Nel libretto promozionale, può essere dato un solo valore - 23 dB.
  • In terzo luogo, i condizionatori d'aria possono essere fonte non solo di rumore monotono creato dal flusso d'aria, ma anche di altri suoni: scoppiettio, sibili, gorgoglii, scatti. Di solito, questi rumori si notano solo in completo silenzio, ma possono interferire con un sonno calmo, perché anche i suoni silenziosi, ma improvvisamente nascenti, irritano molto più del rumore monotono. Questi suoni sono di natura diversa. Il cracking si verifica quando le parti del corpo in plastica vengono espanse e contratte a causa di un cambiamento nella sua temperatura. Bulk e fizz possono freon quando si accende e si spegne il compressore. E i clic si verificano quando si commutano i relè che controllano il funzionamento della ventola, del compressore e di altri componenti del condizionatore d'aria. Di tutti questi rumori, il cracking del caso causa il più grande disagio. Riconoscere che l'unità interna "scoppiettante" può essere di plastica economica, che nell'aspetto e nel tatto differisce dalla plastica, da cui provengono i climatizzatori di classe premium. Quando si preme su un tale corpo, inizia a cigolare notevolmente. I condizionatori d'aria ad inverter producono meno rumore, poiché non provocano improvvisi cambiamenti di temperatura associati all'attivazione e all'arresto periodici del compressore.

Anche i rumori provenienti dall'unità esterna possono causare problemi. Con le finestre chiuse, e in caso contrario utilizzare il condizionatore d'aria non è raccomandato, il rumore dell'unità esterna non è quasi udibile. Ma questo rumore è ben udibile dai tuoi vicini, se loro stessi non hanno l'aria condizionata e tutte le finestre sono aperte. Anche se il rumore dell'unità esterna del condizionatore d'aria domestico utilizzabile non supera mai il livello consentito per l'area residenziale, questo rumore può comunque interferire notevolmente con gli occupanti, specialmente di notte. Si noti che la differenza nel livello di rumore delle unità esterne dei condizionatori d'aria nei gruppi di prezzo superiore e inferiore è significativamente superiore alla differenza nel livello di rumore delle unità interne. Alcuni sistemi split premium hanno persino una funzione "Unità esterna silenziosa", quando viene attivata la riduzione del livello di rumore dell'unità esterna.

Possibilità di ventilazione (presa d'aria fresca)

Va notato che negli ultimi anni sono stati diversi modelli di sistemi split domestici con funzione di aria fresca (per esempio, una serie di Ururu-Sarara Daikin, la fornitura di fino a 32 mc / h), ma la loro produttività è bassa, e il costo è paragonabile al costo di installazione fornitura, permettendo creare un sistema completo di ventilazione

Se le finestre del vostro appartamento o della vostra casa di campagna hanno finestre con doppi vetri, allora per creare un clima confortevole non serve tanto l'aria condizionata quanto un sistema di ventilazione dell'aria fresca. I moderni sistemi di ventilazione hanno dimensioni relativamente ridotte e commisurate al costo del condizionamento dell'aria. Maggiori dettagli su di loro sono raccontati nella sezione ventilazione Pribochnaja per appartamenti e cottage.

Funzioni di consumo di base del condizionatore d'aria

Grazie a questo, i produttori possono aggiungere nuove modalità operative o funzioni aggiuntive ai climatizzatori senza costi aggiuntivi e costruire con successo le loro campagne pubblicitarie. Di conseguenza, dal punto di vista delle opportunità dei consumatori, la differenza tra i condizionatori d'aria di diversi gruppi di prezzi è spesso assente. Meno comuni sono le funzioni che portano a un aumento del costo del condizionatore d'aria, poiché la loro implementazione richiede un cambiamento nel suo design. Ad esempio, il sensore di movimento integrato consente di risparmiare energia elettrica e il sensore di temperatura nel pannello di controllo consente di mantenere la temperatura impostata non nell'area dell'unità interna, ma dove si trova la console. Quante funzioni sono necessarie e se ne vale la pena per pagare più del dovuto per l'aria condizionata che decidi.

Modalità di base e funzioni dei climatizzatori:

  • raffreddamento e riscaldamento (per i modelli "caldi"). Le modalità di base del funzionamento del condizionatore d'aria, utilizzato per il condizionamento dell'aria e il riscaldamento dell'ambiente.
  • ventilazione. La modalità operativa, in cui funziona solo la ventola dell'unità interna, senza accendere il compressore. Utilizzato per distribuire uniformemente l'aria in tutta la stanza e può essere utilizzato, ad esempio, in inverno, quando l'aria calda proveniente dai riscaldatori e dalle batterie del riscaldamento centrale si accumula sotto il soffitto e il pavimento rimane freddo.
  • Modalità automatica. In questa modalità, il condizionatore stesso controlla la selezione della modalità operativa (raffreddamento, riscaldamento o ventilazione) per mantenere una temperatura confortevole.
  • drenante. Nella modalità di deumidificazione, il condizionatore riduce l'umidità dell'aria. In generale, la deumidificazione accompagna sempre il suo raffreddamento. L'aria calda viene a contatto con lo scambiatore di calore freddo (radiatore) dell'unità interna, di conseguenza l'umidità si condensa sullo scambiatore di calore, che viene scaricato attraverso il tubo di scarico. Secondo lo stesso principio, tutti i deumidificatori d'aria moderni funzionano. Pertanto, nella modalità di deumidificazione, il condizionatore d'aria funziona allo stesso modo della modalità di raffreddamento, solo la temperatura dell'aria nella stanza è ridotta di non più di 1 ° C.

Sistemi di protezione per condizionatori d'aria

Sistemi di monitoraggio e protezione di base:

  • nuovo inizio. Questa funzione consente al condizionatore d'aria di accendersi dopo un'interruzione di corrente. E il condizionatore d'aria si accenderà nello stesso modo, in cui ha funzionato prima del fallimento. Questa funzione più semplice è implementata a livello di microprogramma e pertanto è presente in quasi tutti i condizionatori d'aria.
  • Monitorare lo stato dei filtri. Se i filtri dell'unità interna del condizionatore d'aria non vengono puliti, entro pochi mesi crescerà un tale strato di polvere che le prestazioni del condizionatore d'aria diminuiranno più volte. Di conseguenza, il funzionamento normale del sistema di refrigerazione verrà interrotto e il freon liquido entrerà nell'ingresso del compressore anziché nel gas, il che probabilmente causerà un blocco del compressore. Ma anche se il compressore non si guasta, alla fine la polvere si attaccherà alle piastre del radiatore dell'unità interna, entrerà nel sistema di drenaggio e l'unità interna dovrà essere portata al centro di assistenza. Cioè, le conseguenze del funzionamento di un condizionatore con filtri sporchi possono essere le più gravi. Per proteggersi da questi effetti, un sistema di controllo del filtro è integrato nel condizionatore d'aria? Quando i filtri si sporcano, l'indicatore corrispondente si illumina.
  • Monitoraggio delle perdite di Freon. In qualsiasi sistema split, la quantità di Freon diminuisce con il tempo a causa della perdita normalizzata. Per una persona, non è pericoloso, perché il freon ?? gas inerte, ma il climatizzatore senza rifornimento di carburante può "vivere" solo 2-3 anni. Il fatto è che il compressore del climatizzatore è raffreddato e, con la sua mancanza, può surriscaldarsi e guastarsi. In precedenza, per spegnere il compressore quando mancava un interruttore a bassa pressione di Freon ?? Quando la pressione nel sistema diminuisce, questo relè disconnette il compressore. Ora la maggior parte dei produttori passa a sistemi di controllo elettronici che misurano la temperatura nei punti chiave del sistema e / o della corrente del compressore e sulla base di questi dati vengono calcolati tutti i parametri operativi del sistema di refrigerazione, compresa la pressione di Freon.
  • Protezione corrente. Un numero di guasti nel sistema di refrigerazione può essere determinato dalla corrente del compressore. La bassa corrente indica che il compressore sta funzionando senza carico ?? quindi scorreva il freon. Sovracorrente indica che l'ingresso del compressore viene alimentata una Freon gassoso e liquido che può essere causata da una temperatura troppo bassa dell'aria esterna o filtri sporchi unità interna. Pertanto, il sensore di corrente del compressore consente di migliorare significativamente l'affidabilità del condizionatore d'aria.
  • Sbrinamento automatico. Quando la temperatura dell'aria esterna è inferiore a + 5 dell'unità esterna ° C condizionatore d'aria può essere coperta con uno strato di brina o ghiaccio, che porterebbe ad un deterioramento del trasferimento di calore, e talvolta anche danneggiare le pale del ventilatore su un perno su ghiaccio. Per evitare che ciò accada, il sistema di controllo di condizionamento dell'aria monitora le condizioni del suo lavoro, e se v'è il rischio di formazione di ghiaccio, il sistema include periodicamente sbrinamento (5-10 minuti condizionatore funziona nella modalità di raffreddamento senza l'inclusione del ventilatore interno, lo scambiatore di calore dell'unità esterna è riscaldata e scongelato).
  • Protezione a bassa temperatura. Compreso l'aria condizionata non adattata a temperature ambiente negative è fortemente scoraggiata. Per evitare danni, alcuni modelli di condizionatori d'aria si spengono automaticamente se la temperatura sulla strada è scesa al di sotto di un certo livello (di solito meno 5-10 ° C).

Naturalmente, i sistemi elencati non limitano la protezione del condizionatore d'aria, ma abbiamo considerato quei sistemi, la cui presenza è molto desiderabile per il condizionatore di prendersi cura di voi, e non per il condizionatore d'aria.

Tipo di Freon

Freon ?? è un refrigerante, cioè una sostanza che trasferisce il calore dall'unità interna del sistema split all'ambiente esterno (per ulteriori dettagli su questo processo, vedere il principio del funzionamento del condizionatore d'aria). I freon (chiamati anche clorofluorocarburi) sono una miscela di metano ed etano, in cui gli atomi di idrogeno vengono sostituiti da atomi di fluoro e cloro. Tutti i refrigeranti utilizzati negli elettrodomestici sono non combustibili e innocui per le sostanze umane. Esistono diversi tipi di freon, che differiscono per le formule chimiche e le proprietà fisiche. Nei condizionatori d'aria e nei frigoriferi vengono utilizzati più frequentemente R-12, R-22, R-134a, R-407C, R-410A e alcuni altri.

In precedenza, praticamente tutti i climatizzatori domestici forniti dalla Russia funzionavano con refrigerante R-22, che si distingueva per il suo basso prezzo ($ 5 per 1 kg) ed era facile da usare. Tuttavia, nel periodo 2000-2003, la legislazione che limita l'uso del freon R-22 è entrata in vigore nella maggior parte dei paesi europei. È stato causato dal fatto che molti freon, incluso l'R-22, distruggono lo strato di ozono. Per misurare la "nocività" dei freon, è stata introdotta una scala in cui il potenziale di riduzione dell'ozono del freon R-13, su cui lavora la maggior parte dei vecchi frigoriferi, è stato adottato per l'unità. Il potenziale del freon R-22 è 0,05, e i nuovi freon R-407C e R-410A compatibili con l'ozono ?? zero. Pertanto, nel 2003, la maggior parte dei produttori orientati al mercato europeo sono stati costretti a passare alla produzione di condizionatori d'aria utilizzando i freon compatibili con l'ozono R-407C e R-410A.

Per i consumatori, questa transizione ha comportato un aumento sia del costo delle attrezzature sia dei prezzi per i lavori di installazione e manutenzione. È stato causato dal fatto che i nuovi freon nelle loro proprietà differiscono dal solito R-22:

  • I nuovi freon hanno una pressione di condensazione più alta ?? fino a 26 atmosfere contro 16 atmosfere per refrigerante R-22, cioè tutti gli elementi del circuito di refrigerazione del condizionatore d'aria dovrebbero essere più durevoli e quindi più costosi.
  • Ozone-friendly freon non sono omogenei, cioè costituiti da una miscela di alcuni CFC semplici. Ad esempio, l'R-407C è costituito da tre componenti? R-32, R-134a e R-125. Questo porta al fatto che anche piccole perdite di refrigerante viene vaporizzato prima componenti più leggeri, alterandone la composizione e le proprietà fisiche. Dopodiché, devi scaricare tutto il freon non consolidato e rifornire il condizionatore d'aria. A questo proposito, Freon R-410A è più preferito perché è convenzionalmente isotropo, cioè tutti i componenti evaporare approssimativamente alla stessa velocità e con poco condizionatore perdite possono semplicemente essere riempito.
  • L'olio del compressore, che circola nel circuito frigorifero con Freon, deve essere non minerale, come nel caso del freon R-22, ma in poliestere. Questo olio ha uno svantaggio significativo? alta igroscopicità, cioè, assorbe rapidamente l'umidità dall'aria. E l'acqua che entra nel circuito di refrigerazione porta alla corrosione dei suoi elementi e ai cambiamenti nelle proprietà di Freon, quindi è più difficile lavorare con tale olio.
  • E soprattutto? il costo dei nuovi Freoni è di $ 30-35 per 1 kg, che è 6-7 volte più costoso del Freon R-22.

Dal 2013, è stato vietato importare nel territorio dell'Unione doganale (e quindi in Russia) non solo il Freon R-22, ma anche i prodotti in cui è contenuto. Pertanto, ora è quasi impossibile comprare un condizionatore d'aria su Freon R-22.

Distanza tra le unità esterne e interne del condizionatore d'aria

La distanza dell'interblocco è di grande importanza, sia per il costo di installazione del condizionatore d'aria, sia per la sua durata. Questa distanza è determinata dalla lunghezza delle comunicazioni tra unità? tubi e cavi in ​​rame. In un'installazione standard di solito include una traccia di 5 metri ?? nella maggior parte dei casi questo è abbastanza In linea di principio, la lunghezza massima del percorso per i condizionatori d'aria domestici è di 15-20 metri (a seconda del modello del sistema split), tuttavia non è consigliabile utilizzare un percorso di questa lunghezza per una serie di motivi. Innanzitutto, il costo dell'installazione del condizionatore aumenta in modo significativo? per 500-700 rubli per ogni metro addizionale di comunicazioni, e se si vuole strozzare il muro, il costo totale di ogni metro addizionale può aumentare fino a 1200-1800 rubli. In secondo luogo, all'aumentare della lunghezza del percorso, la potenza del climatizzatore cade e il carico sul compressore aumenta. Quando si posizionano blocchi del sistema split, è anche necessario tenere conto delle restrizioni sulla differenza di altezza tra le unità interne ed esterne (in genere 7-10 metri).

Stranamente, ma un percorso troppo breve può anche portare a problemi. I tubi Freon che collegano le unità interne ed esterne del sistema split fanno parte del circuito di refrigerazione, pertanto qualsiasi deviazione della lunghezza della comunicazione dai 5 metri calcolati porterà a una modifica dei parametri del ciclo di refrigerazione. Anche se i blocchi del sistema split si trovano a solo 1 metro di distanza, la lunghezza del percorso dovrebbe essere di circa 5 metri (il suo surplus si piega in un anello che si nasconde dietro l'unità esterna). Si noti che i condizionatori d'aria budget sono più sensibili alla deviazione della lunghezza del percorso dal valore ottimale, poiché hanno un sistema di controllo e gestione semplificato.

Se la lunghezza del percorso supera i 15-20 metri, è necessario utilizzare un condizionatore semi-industriale piuttosto che uno domestico. Ad esempio, la serie semi-industriale di sistemi split-wall FDKN Mitsubishi Heavy è progettata per la lunghezza del percorso fino a 30 metri con una differenza di altezza fino a 20 metri. Un sistema VRV multizona ti consente di distribuire blocchi di 150 metri con un dislivello di 50 metri.

Effetto della temperatura sul funzionamento del condizionatore d'aria

L'efficienza del climatizzatore è fortemente influenzata dalla temperatura dell'aria esterna. Per ogni modello, la documentazione specifica l'intervallo di temperatura di esercizio consentito:

  • Per la modalità di raffreddamento, il limite inferiore è compreso tra -5 ° C e + 18 ° C per vari modelli, il limite superiore è di circa + 43 ° C.
  • Per la modalità di riscaldamento, il limite inferiore è compreso tra -5 ° C e + 5 ° C per vari modelli, il limite superiore è intorno a + 21 ° C.

La notevole diffusione nell'intervallo di temperatura inferiore è spiegata dal fatto che per garantire il normale funzionamento del condizionatore d'aria in un ampio intervallo di temperature, è necessario installare sensori aggiuntivi e complicare il circuito del condizionatore d'aria, e questo aumenta il suo costo. Se si prevede di accendere il condizionatore per il raffreddamento a una temperatura esterna inferiore a + 15 ° C, si consiglia di prestare attenzione al range operativo del modello selezionato. Il campo della temperatura di funzionamento è sempre indicato nei cataloghi tecnici o nel manuale dell'utente. Il funzionamento del condizionatore ad una temperatura inferiore alla temperatura consentita si traduce in funzionamento instabile e congelamento del radiatore dell'unità interna, a seguito del quale l'acqua può gocciolare dal condizionatore d'aria.

Tuttavia, non tutto è così male. Molti produttori hanno condizionatori adatti alle condizioni del lavoro invernale. A proposito di ciò che questi sistemi divisi differiscono dalle loro controparti non adattate - nel prossimo paragrafo.

Dispositivi opzionali

Blocco per tutte le stagioni

L'aria condizionata con un kit invernale può essere utile in due casi. Innanzitutto, per migliorare l'affidabilità del condizionatore d'aria. In questo caso, è possibile adattare quasi tutti i sistemi split. L'adattamento consentirà l'aria condizionata in qualsiasi momento dell'anno, senza il rischio di ristagni di pozzanghere sul pavimento e guasti al compressore. In secondo luogo, il "climatizzatore invernale" sarà semplicemente necessario in stanze con molte apparecchiature che generano carburante, ad esempio nelle sale server, per il raffreddamento non solo in estate, ma anche in inverno. Poiché l'aria fredda esterna contiene poca umidità, quindi raffreddamento "fortochnym" come metodo di posizionamento riduce l'umidità del 20-30% (in ottimale 55%), che ha un impatto negativo non solo ai singoli ma anche su sofisticate apparecchiature elettroniche. Pertanto, di solito utilizzato per il server di condizionamento condizionatore adattato, anche se risparmi sooobrazheny possono essere applicati e sistema di raffreddamento gratuito (free cooling). Come condizionatore d'aria per il server uno, il modello con l'adattamento di fabbrica del primo gruppo di affidabilità è più adatto.

Pompa di scarico

Durante il funzionamento di qualsiasi condizionatore d'aria, l'acqua si forma sulla superficie dell'evaporatore (radiatore dell'unità interna). Si condensa al raffreddamento dell'aria che passa attraverso l'evaporatore e fluisce nel vassoio sotto l'evaporatore. Dalla vaschetta raccogligocce, l'acqua viene scaricata dal condizionatore d'aria attraverso il tubo di scarico. Di solito il tubo di drenaggio attraverso il foro nella parete esterna viene portato fuori strada, meno spesso lo scarico viene portato nel sistema fognario. In ogni caso, il foro di drenaggio deve essere al di sotto del livello della vaschetta in modo che l'acqua possa fluire liberamente dal condizionatore d'aria sotto l'azione della gravità.

Tuttavia, ci sono casi in cui il drenaggio del drenaggio deve essere posizionato sopra il livello del pallet, ad esempio, quando si installa il condizionatore d'aria nel seminterrato. In questa situazione, è necessario utilizzare una pompa di scarico che può sollevare l'acqua ad una certa altezza. Strutturalmente, la pompa è progettata sotto forma di un piccolo blocco rettangolare in cui si trovano la pompa e un serbatoio in miniatura con un sensore dell'acqua. Quando il serbatoio è pieno d'acqua, il sensore accende la pompa, l'acqua viene pompata, dopodiché la pompa viene spenta e il ciclo viene ripetuto di nuovo.

pompa compatta per impianti split domestici può essere posizionato sopra l'aria condizionata (nella nicchia per tubi freon) o in una scatola in prossimità dell'unità interna (alcuni modelli sono dotati di pompe scatole decorate dimensioni appositamente selezionato). Le pompe più potenti (ad alte prestazioni o ad alta pressione) sono troppo grandi per essere nascoste dietro il condizionatore d'aria, quindi di solito hanno un involucro decorativo che consente di posizionarle vicino all'unità interna.

È necessario tenere conto del fatto che l'uso della pompa comporta un notevole aumento del livello di rumore.

Visiera protettiva

Una visiera protettiva in metallo è installata sull'unità esterna e la protegge dai ghiaccioli che cadono, dalla neve durante la pulizia del tetto e da oggetti che gli inquilini dei piani superiori possono gettare fuori dalla finestra.

La distanza tra l'unità del condizionatore d'aria e la visiera dovrebbe essere di almeno 10-15 centimetri: questa zona di deformazione della visiera salverà il condizionatore d'aria quando l'oggetto pesante cadrà dall'alto. Ciò significa che nel caso di installazione di un'unità esterna sotto la finestra, il bordo superiore del blocco deve essere posizionato a 20-25 centimetri sotto il davanzale della finestra, altrimenti la visiera non avrà nessun posto dove ancorare. Per installare un'unità esterna a questo livello, sarà probabilmente necessario utilizzare i servizi di uno scalatore industriale. Per lo stesso motivo, è spesso impossibile installare correttamente la visiera su un'unità già assemblata senza smontarla.

Scatola protettiva (griglia)

Una scatola o una griglia protettiva è installata per proteggere l'unità esterna da atti di vandalismo o furto. Questa scatola è una struttura rettangolare, coperta da una rete metallica grezza e che copre l'unità esterna da tutti i lati, tranne il fondo (l'accesso dal basso è necessario per il servizio). Tale protezione viene utilizzata in quei casi in cui l'unità esterna è installata in un luogo facilmente accessibile? a bassa quota, sul tetto della casa, ecc.

La parte superiore della scatola è solitamente in lamiera, quindi la scatola protegge anche il condizionatore dalla caduta di oggetti pesanti, cioè funziona come visiera protettiva.

Schermo per unità interna

Il flusso d'aria dall'unità interna non può essere sempre diretto parallelamente al pavimento, di solito è diretto verso una piccola angolazione in basso. Se c'è un posto di lavoro vicino al condizionatore d'aria, il flusso di aria fredda può arrivare sulla persona. Per evitare che ciò accada sotto l'unità interna, è possibile impostare uno schermo riflettente (che non disturbi l'interno della stanza), che devierà il flusso fino al soffitto per distribuire uniformemente l'aria fredda nella stanza.

Ci sono schermi che non richiedono installazione: sono collegati direttamente all'unità interna utilizzando staffe in plastica trasparente e nastro biadesivo.

Quale condizionatore dovrei scegliere?

In conclusione, alcune raccomandazioni pratiche:

  • La potenza del climatizzatore è determinata sulla base del calcolo e non dipende dai nostri desideri e preferenze. Cercare di salvare e acquistare un condizionatore d'aria di potenza inferiore può essere giustificato solo con una piccola deviazione (10-15%) dal valore calcolato.
  • Selezionando l'aria condizionata con la possibilità di riscaldare l'aria, è possibile riscaldarsi in autunno e primavera, risparmiando il 65% di energia elettrica. Secondo le statistiche, i condizionatori "caldi" acquistano più volte rispetto ai condizionatori "freddi".
  • Il climatizzatore a inverter risparmia elettricità, mantiene più precisamente la temperatura impostata e riduce il rumore. Allo stesso tempo, è molto più difficile da produrre. Pertanto, non consigliamo l'acquisto di inverter di marchi "di persone". Meglio per gli stessi soldi per comprare un condizionatore d'aria convenzionale prima o secondo gruppo ?? sarà più affidabile.
  • Poiché non vi è alcuna possibilità di ventilazione per i climatizzatori domestici, è necessario un sistema di ventilazione forzata per creare condizioni confortevoli nelle stanze climatizzate. Altrimenti, dovrai periodicamente aprire la finestra per l'aerazione della stanza.
  • Le funzioni di consumo di tutti i condizionatori d'aria sono all'incirca uguali, quindi quando si sceglie un condizionatore d'aria, è meglio prestare attenzione all'affidabilità e alla disponibilità dei sistemi di protezione da operazioni improprie e condizioni esterne sfavorevoli.
  • I moderni condizionatori domestici hanno un livello di rumore sufficientemente basso, nella maggior parte dei casi, non prestare attenzione a questo parametro. Se hai ancora bisogno del condizionatore più silenzioso ?? scegli il famoso marchio giapponese (Daikin, Mitsubishi, Fujitsu, Panasonic). In questo caso, ti sarà garantito il livello minimo di rumore sia dell'unità interna che di quella esterna.
  • Limitazioni sull'intervallo di temperatura dell'aria esterna inerente a tutti i condizionatori d'aria economici non svolgono un ruolo importante nell'ambiente domestico, poiché nella modalità di raffreddamento il condizionatore d'aria viene utilizzato solo se la temperatura esterna alla finestra supera i 20 ° C. Se è necessario un funzionamento stabile del condizionatore d'aria in un ampio intervallo di temperature, è preferibile scegliere un modello appositamente adattato per le condizioni invernali.
  • Quando si pianifica la collocazione di unità split-system, provare a ridurre al minimo la lunghezza delle comunicazioni tra unità. In una tipica installazione di un condizionatore d'aria (unità esterna sotto la finestra, interna ?? vicino alla finestra) la lunghezza del percorso non supera i 5 metri. Se la lunghezza del percorso è superiore a 7 metri, è consigliabile non utilizzare condizionatori d'aria "budget" (LG, Samsung, Midea e simili).